È morto Larry Steinbachek, fondatore dei Bronski Beat

Larry Steinbachek, musicista e fondatore dei Bronski Beat, è morto all’età di 56 anni

Fonte: Twitter

È morto Larry Steinbachek, tastierista e fondatore dei Bronski Beat. Classe 1960, Steinbachek è deceduto dopo aver perso la sua battaglia contro il cancro a soli 56 anni. I Bronski Beat negli anni Ottanta sono state una delle band più seguite e amate. Fondata nel 1983 da Larry Steinbachek, era formata da Steve Bronski e da Jimmy Somerville. Il loro stile, inconfondibile e unico, aveva reso il gruppo famoso in tutto il mondo.

Il successo arrivò quasi subito, nel 1984, con il singolo “Smalltown boy” che raccontava la storia di un ragazzo omosessuale che lasciava la sua famiglia e la sua città per via del suo orientamento sessuale. Il primo album “The age of consent”, conteneva i vari paesi e le età in cui l’omosessualità non veniva considerata un reato. Un atto di denuncia, quello dei Bronski Beat, che farà discutere e avrà la conseguenza di smuovere le coscienze riguardo la situazione degli omosessuali.

Nel 1985 arrivò un nuovo successo con la cover di “I Feel Love”, realizzata da Larry Steinbachek e Marc Almond, che scalò le classifiche del Regno Unito, conquistando per diverse settimane la terza posizione. Poco dopo arrivò la scissione da Jimmy Somerville, che lasciò il gruppo per fondare i Communards, e venne sostituito da John Foster nei Bronski Beat.

Con l’arrivo del nuovo membro il gruppo creò l’album “Truthdare Doubledare” con il singolo “Hit That Perfect Beat”. Poco dopo venne pubblicata una raccolta di pezzi inediti con il titolo “Rainbow Nation”. A partire dal 1994 Steinbachek viveva ad Amsterdam, dove aveva continuato a dedicarsi alla musica ed era diventato il direttore musicale della Remote Control Productions, la compagnia teatrale di Michael Laub.

Ad annunciare la morte è stata Louise Jones, la sorella del musicista, mentre gli amici e compagni di band si sono affrettati a ricordarlo. Sulla sua pagina Facebook, Jimmy Sommerville ha scritto: “Eravamo giovani, determinati e coraggiosi. Grazie per questi momenti Larry”. Commoventi anche le parole di Marc Almond che su Twitter ha reso omaggio all’artista e all’uomo con cui ha condiviso i suoi anni più belli: “Sono molto triste nell’apprendere la morte di Larry Steinbachek. Lavorare con lui e creare grandi canzoni negli anni Ottanta è stato bellissimo”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti