Nasa, trovato su Marte un relitto misterioso: cosa sarebbe

Il Marscopter ha inviato immagini di un relitto caduto su Marte, dando l'illusione di un mezzo alieno

19 Dicembre 2023
Alessia Malorgio

Alessia Malorgio

Content Specialist

Ha conseguito un Master in Marketing Management e Google Digital Training su Marketing digitale. Si occupa della creazione di contenuti in ottica SEO e dello sviluppo di strategie marketing attraverso canali digitali.

Fonte: 123rf

Il Marscopter della NASA, l’elicottero che ha compiuto il primo volo su un altro pianeta, ha catturato incredibili immagini di un “scenario surreale” sulla superficie del Pianeta Rosso. Le foto, scattate lo scorso aprile, mostrano un relitto distrutto sulla superficie marziana, dando l’illusione di qualcosa di extraterrestre. Tuttavia, l’ingegnere Ian Clark ha rivelato che si tratta dei resti dell’attrezzatura di atterraggio che ha toccato il suolo insieme a Ingenuity e al rover Perseverance nel 2021.

L’elicottero ha completato ben 67 voli e si prepara per la sua missione più lunga fino ad oggi. Le immagini potrebbero fornire preziose informazioni agli ingegneri che lavorano su future missioni su Marte, offrendo un punto di vista unico rispetto alle telecamere di Perseverance. Parlando al New York Times, Ian Clark ha sottolineato l‘elemento fantascientifico delle immagini, definendole “altamente suggestive di un mondo alieno”. Ha anche evidenziato l’importanza delle foto nell’ambito dell’ingegneria spaziale, sottolineando che forniscono una prospettiva diversa e preziosa.

Clark ha dichiarato: “Le immagini di Ingenuity potrebbero confermare il corretto funzionamento dei nostri sistemi o fornire dati ingegneristici utili per la pianificazione del ritorno di campioni da Marte” offrendo dati unici sulla performance delle attrezzature di atterraggio in condizioni atmosferiche estreme, come le alte temperature durante l’entrata nell’atmosfera sottile a quasi 12.500 miglia all’ora. Ingenuity ha superato di gran lunga le aspettative della NASA. Inizialmente progettato per effettuare solo cinque voli, si appresta ora al suo 68° volo. Il successo del Marscopter apre nuove prospettive per l’esplorazione futura di Marte e dimostra la straordinaria capacità della tecnologia spaziale umana.

Il pianeta rosso: cosa sappiamo di Marte

Marte, noto come il “Pianeta Rosso” per la sua distintiva colorazione, continua a catturare l’interesse e la curiosità umana. Le caratteristiche fisiche di Marte, con le sue pianure, montagne e canyon, offrono uno scenario unico nel sistema solare. Il vulcano Olympus Mons, il più grande del nostro sistema, si erge maestoso sulla sua superficie. L’atmosfera sottile, composta principalmente da anidride carbonica, crea un ambiente diverso da quello terrestre.

Le esplorazioni robotiche e le missioni spaziali hanno portato a una crescente comprensione di questo pianeta. Il Mars Rover e le sonde hanno studiato attentamente la sua geologia e clima, rivelando dettagli sorprendenti sulla sua storia e sulla possibilità di vita passata. Il Marscopter, un’impresa straordinaria, ha contribuito a fornire nuovi punti di vista e immagini “surreali” di resti di atterraggio sulla sua superficie.

Si può vivere su Marte?

Il futuro delle esplorazioni marziane promette di essere avvincente, con la prospettiva di missioni umane in un prossimo futuro. Marte, con i suoi misteri e paesaggi mozzafiato, rimane uno degli obiettivi chiave per la ricerca spaziale, alimentando la nostra voglia di scoprire l’ignoto e svelare i segreti nascosti del Pianeta Rosso.  Marte presenta molte sfide che rendono difficile la vita umana senza un supporto tecnologico significativo. Marte ha un’atmosfera sottile composta principalmente di anidride carbonica, con tracce di altri gas. La pressione atmosferica è significativamente più bassa rispetto a quella terrestre, rendendo difficile la respirazione senza dispositivi di supporto. Le temperature su Marte possono variare drasticamente, con medie molto basse. La presenza di acqua su Marte è stata confermata, ma si trova principalmente sotto forma di ghiaccio. La radiazione cosmica è più intensa sulla superficie di Marte rispetto alla Terra, e proteggere gli eventuali colonizzatori da questa radiazione sarebbe una sfida significativa. Tuttavia, ci sono proposte e progetti in corso per esplorare la possibilità di insediamenti umani su Marte, con l’utilizzo di tecnologie avanzate e infrastrutture progettate per affrontare queste sfide e rendere possibile la sopravvivenza umana su questo pianeta.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti