Perché i pacchetti di patatine sono mezzi vuoti?

Sicuramente vi sarete chiesti come mai i pacchetti di patatine non sono riempiti fino all’orlo: vi spieghiamo noi il reale motivo

Le patatine in busta sono un confort food per molti di noi: economiche (potreste anche diventare ricchi se indovinate il gusto di queste Pringles), buonissime e salate, sono perfette per feste di compleanno, aperitivi domestici ma anche come accompagnamento per un film comico da vedere sul divano con la propria metà o addirittura l’ultima frontiera per attirare fedeli in chiesa.

Certamente non possono considerarsi un healthy food (diffidate da questi cibi, solo in apparenza sono light), ma è difficile rinunciarvi quando veniamo rapiti da quella irresistibile voglia di snack, ma avete mai fatto caso al fatto che i pacchetti di patatine sono sempre mezzi vuoti? Esistono diversi motivi per cui le aziende produttrici non riempiono fino all’orlo le buste.

Potreste essere portati a pensare che sia per risparmiare, ma siete fuori strada perché la vera ragione è più logistica che economica: durante il trasporto, infatti, i pacchi di patatine vengono ammassati l’uno sull’altro e se fossero interamente pieni, arriverebbero in migliaia di pezzettini sugli scaffali dei mercati. È molto fastidioso quando in effetti non le troviamo integre, anche se questa azienda è diventata molto famosa per produrre solo patate rotte!

All’interno, però, non c’è semplice ossigeno, ma azoto: il primo infatti potrebbe danneggiare la croccantezza delle patatine per via dell’umidità che si creerebbe nella busta seppur sigillata e irrancidire l’olio. L’azoto invece mantiene intatte le proprietà delle chips ed è sicuro al 100% per la nostra salute… Non assicuriamo, invece, sulle calorie ingerite!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti