Pompei rinuncia alle luminarie per dare i fondi in beneficenza

Il Comune di Pompei ha reso noto che dei 150mila euro stanziati per le luminarie natalizie, 100mila euro andranno a famiglie in difficoltà economiche.

11 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Sarà il Natale più strano di sempre quello del 2020 e – tra pandemia e lockdown – sarà anche pieno di preoccupazioni e di desiderio di essere vicini ai propri cari. Anche per questo, la decisione del Comune di Pompei appare ancora più importante. Attraverso un post pubblicato sulla propria pagina ufficiale di Facebook, l’Amministrazione ha annunciato di voler sacrificare le luminarie per devolvere i soldi stanziati in beneficenza alle famiglie in difficoltà. La somma è di circa 150mila euro e il Comune aveva bandito un concorso per decidere chi si sarebbe occupato delle illuminazioni del paese.

“Ad inizio mandato e al fine di ornare la città per le festività natalizie con decorazioni all’altezza di una città a vocazione turistica – si legge nel post – l’Amministrazione comunale ha bandito un concorso di idee e stanziato la somma di 150 mila euro per le luminarie natalizie”.

“Un progetto messo, però, in discussione dall’andamento della curva epidemiologica che, così come auspicato anche dalla minoranza, nel corso della conferenza è stato rimodulato. – continua il post – L’alto numero di contagi, sia sul territorio regionale che su quello locale, ha costretto molte amministrazioni a ridimensionare gli eventi e le manifestazioni in vista del Natale. Allo stato attuale non è possibile prevedere l’evolversi della situazione epidemiologica, ma alla luce delle Ordinanze regionali e dei Dpcm attualmente in vigore è comunque ipotizzabile che non sarà possibile programmare eventi tali da attrarre un numero elevato di persone”.

“In ragione di queste considerazioni, l’Amministrazione comunale – così come comunicato direttamente dal primo cittadino – ha inteso quindi stornare una parte considerevole della quota prevista per le luminarie e di destinarla ad interventi di altra natura. – conclude l’Amministrazione – Ben 100mila euro dei 150 andranno a finanziare misure di sostegno al reddito per le famiglie in difficoltà economiche, nonché interventi di manutenzione di scuole e strade dissestate. La restante parte sarà destinata alle luminarie affinché la città possa comunque respirare un’atmosfera natalizia, soprattutto in un periodo buio come quello che tutto il Paese sta attraversando a causa dell’emergenza Covid”.

La stessa decisione è stata presa da altri comuni campani, tra cui Bacoli e Parete.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti