Le tradizioni natalizie a rischio per il cambiamento climatico

Il Natale è in pericolo a causa dei mutamenti climatici: ecco i cambiamenti in corso e come possiamo salvare le tradizioni delle festività natalizie

27 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Le tradizioni natalizie si stanno trasformando e rischiano di diventare sempre più distanti dal nostro immaginario a causa del cambiamento climatico. Infatti, mentre i mondi del cinema e della televisione continuano a celebrare l’immagine del ‘Bianco Natale’ tra neve, renne e freddo polare, la verità è che in tutto il mondo i mutamenti climatici stanno ‘riscaldando’ anche le tradizioni natalizie.

L’immagine di riferimento la conosciamo tutti: luci scintillanti, pupazzi di neve, maglioni di lana, cappotti pesanti e cioccolata calda accanto al camino acceso. Ciascuno di noi ha le sue tradizioni natalizie preferite e tutte fanno espresso riferimento al freddo natalizio, dovuto alla vicinanza del 25 dicembre al solstizio d’inverno. È vero, in alcune località del mondo (ovvero nell’emisfero australe) sono da sempre abituati ad un Natale ‘estivo’. Ma i cambiamenti climatici stanno portando qualcosa del genere anche più a Nord, in Europa e Nord America.

Non è un caso se, per esempio, nei giorni delle feste nei Paesi Bassi non è più possibile andare a pattinare sugli stagni ghiacciati. Era una vera e propria tradizione neerlandese che, ad eccezione di alcune fortunate località, è ormai destinata a non protrarsi più nel tempo e a trasferirsi al chiuso, nei palazzetti dedicati al pattinaggio indoor.

Ma questo è soltanto un esempio. Il cambiamento del paesaggio, la scomparsa della neve e del ghiaccio, il riscaldamento del clima rischiano di eliminare del tutto tutta quella poesia d’atmosfera che rende in gran parte possibile la ‘magia del Natale’. Per non parlare delle inondazioni, dei forti venti e delle tempeste che in gran parte del mondo sono sempre più frequenti proprio durante la seconda metà di dicembre, rendendo del tutto impossibile dedicarsi ai festeggiamenti natalizi.

Insomma, lottare contro i cambiamenti climatici non è solo un modo per ‘salvare il mondo’ ma, di rimando, è anche una necessità da attuare per ‘salvare il Natale’.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti