0, 0, 0, 1, 0, 0, 0 trend

Sai qual è la differenza tra pesce congelato e pesce surgelato?

Come conservare il pesce fresco: ecco cosa c'è da sapere sulla differenza tra quello congelato e quello surgelato

11 Agosto 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Molti prodotti alimentari di consumo quotidiano vengono spesso conservati a basse e bassissime temperature per prolungarne lo stato di conservazione. Basta aprire lo sportello del frigo che abbiamo in casa (se ci trovate anche dei cetrioli fareste bene a toglierli…) per averne conferma. E che dire dell’insostituibile freezer, che ci permette di fare scorta di molti alimenti per poi consumarli in un secondo tempo (attenti però alla confezione di patatine fritte)? Tra i prodotti che più comunemente conserviamo a lungo, rientrano certamente carne e pesce, ma non tutti sanno che c’è differenza tra congelare e surgelare.

Entrambe le tecniche aiutano conservare più a lungo i cibi, ma sbaglia chi crede che la procedura alla base di tali modalità sia la medesima. E non tutti sanno, ad esempio, che differenza c’è tra pesce congelato e pesce surgelato. Ci viene in aiuto l’Istituto Italiano Alimenti Surgelati che spiega molto bene come avvengono la surgelazione e la congelazione.

Nel primo caso, siamo di fronte a un sistema di conservazione basato su una tecnologia che abbatte immediatamente le temperature, portandole a -18 gradi. Caratteristica di questa tecnica è la rapidità del raffreddamento, appunto, che “determina la formazione di micro-cristalli di acqua che non danneggiano la struttura biologica degli alimenti”. Questo processo consente di mantenere praticamente inalterato gusto e qualità del prodotto, non sprecando alcun elemento nutrizionale. La surgelazione è tipica della conservazione dei cibi a livello industriale perché necessita di strumentazioni e modalità di confezionamento del prodotto specifiche, in linea con la rigorosa normativa vigente.

Nel secondo caso, siamo di fronte a una modalità di conservazione degli alimenti a cui è possibile ricorrere anche a livello casalingo. Con un comune congelatore, si ricorre al freddo sotto zero per preservare nel tempo il cibo che vogliamo consumare dopo qualche settimana o mese (attenti ai tempi di conservazione dei vari tipi di pesce). A differenza della surgelazione, la congelazione avviene in maniera meno rapida e non consente di mantenere intatte le proprietà organolettiche del cibo, più soggetto a deteriorarsi nel tempo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti