Schiacciate le bottiglie di plastica così? Ecco l'errore comune

La raccolta differenziata è l'unica arma per combattere l'invasione della plastica nel mondo: ma siamo sicuri di fare tutto nel modo corretto?

La plastica è l’inquinante più pericoloso e longevo che minaccia il nostro ecosistema: per questo riciclarla è l’unico sistema possibile e da qualche anno la raccolta differenziata è una realtà importante in tutte le città d’Italia. Ma a volte, nonostante gli sforzi, finiamo per commettere errori per banale ignoranza nella preparazione del nostro rifiuto da differenziare: il più comune riguarda le bottiglie di plastica. Moltissime persone schiacciano la bottiglia di plastica vuota, in modo da occupare meno spazio e seguendo anche le direttive che gli stessi Comuni forniscono. Ma il punto è: come si schiacciano le bottiglie di plastica? (Guarda qui 5 idee creative per riciclarle)

La maggior parte delle persone schiaccia la bottiglia dall’alto verso il basso: sbagliato! La bottiglia andrebbe schiacciata nel senso della lunghezza, come una sottiletta. A dircelo l’intervista al responsabile di una azienda, la Revet, che in Toscana si occupa di raccolta, selezione e avvio al riciclo delle differenziate in plastica: per smaltire correttamente le bottiglie di plastica bisogna svuotarle completamente, schiacciarle nel senso della lunghezza (quindi non accartocciarle) e tapparle.

La bottiglia semi-piena o non schiacciata rischia di scivolare giù dai nastri che trasportano il rifiuto verso le varie macchine selezionatrici e finire nella raccolta indifferenziata. La grande differenza fra il rifiuto riciclato e quello non riciclabile è il costo: un rifiuto valorizzato porta un guadagno, uno non riciclabile un costo, che ricade sulle spalle di tutta la comunità.

I tappi vanno sempre avvitati alle bottiglie, perché aiutano a mantenerle nella forma corretta e inoltre da soli finirebbero sicuramente per rotolare nell’indifferenziato.

Non importa invece togliere l’etichetta alla bottiglia: i riciclatori hanno grosse vasche dove i rifiuti vengono lavati e separati da altri materiali che non sono PET e dalla carta. Non è quindi importante separarli all’inizio. (Sai perché è importante non riutilizzare le bottiglie di plastica?)

Molto spesso commettiamo errori nella raccolta differenziata non solo per distrazione, ma anche per la mancata comunicazione di dettagli importanti: purtroppo il nostro sbaglio ricade su noi stessi, sulla comunità e ovviamente sul benessere del pianeta.

Intanto è già stata inventata la bottiglia da mangiare, che potrebbe portare ad una drastica riduzione degli imballaggi di plastica: in attesa che venga commercializzata, in Sardegna c’è chi vi offre due bicchieri di vino se mantenete pulita la spiaggia!

 

 

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti