Sfiorato il disastro nello spazio: ISS sfiorata da un satellite

Tragedia sfiorata l'11 novembre, ecco che cosa è successo nello spazio

18 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Non si può mai stare tranquilli. Non solo qui sulla Terra, ma anche lassù nello spazio. Ogni secondo c’è un’insidia che ci minaccia più o meno da vicino. L’ultimo dramma, per fortuna solo sfiorato, è avvenuto appunto nell’alto dei cieli e ha interessato la ISS, Stazione Spaziale Internazionale.

Questa in ben 23 anni di vita si è trovata faccia a faccia circa 30 volte con detriti spaziali. 3 di questi si sono verificati nel 2020, l’ultimo invece solo pochi giorni fa. L’11 novembre infatti un frammento di satellite era in procinto di schiantarsi sulla base spaziale, rischiando di essere un serio problema per tutti gli astronauti a bordo, e costringendoli a un repentino cambio di rotta.

Come riporta il sito Esquire.com “questo pezzo di spazzatura cosmica apparteneva al defunto satellite meteorologico cinese Fengyun-1C che era stato fatto esplodere durante un test anti missilistico nel 2007”. Tragedia evitata, è vero, ma intorno alla Terra girano ancora i 3.500 pezzi in cui si è disintegrato il satellite.

Tutti questi detriti sono ormai diventati un grande problema non solo per la ISS, le cui dimensioni sono quelle di un campo da calcio, ma per tutti i nostri satelliti e i telescopi spaziali oltre che per le missioni che lasciano il pianeta.

Con il trascorrere del tempo l’orbita terrestre bassa diventerà sempre più intasata e sarà sempre più alto il pericolo di collisioni. Basti pensare, fa sapere sempre la fonte, che la sola SpaceX avrà presto in orbita più di 2.000 satelliti Internet Starlink, verso un obiettivo iniziale di 12.000 e forse alla fine di 40.000.

Inutile dire che nessuno oggi come oggi ha la tecnologia per tracciare tutti questi pezzi di detriti, né abbiamo la capacità di eliminare tutta quella “spazzatura” che ci gira intorno e ci insidia. Ad ogni modo si stanno studiando possibili metodi per rimuovere i pezzi più grandi dall’orbita.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti