Stipendio per i nonni che si prendono cura dei propri nipoti

I nonni sono una colonna portante delle famiglie moderne, che senza il loro aiuto non potrebbero andare avanti: in Svezia se ne sono accorti

La maggior parte delle famiglie italiane, composte da genitori che lavorano entrambi, si basa sull’aiuto esterno dei nonni per poter continuare a funzionare: soprattutto per le donne, che vengono statisticamente pagate di meno rispetto ai colleghi maschi, andare a lavorare non sarebbe più conveniente se dovessero delegare la cura dei figli a terze persone da stipendiare.

Per questa ragione i nonni sono un pilastro non solo affettivo ma anche pratico nella vita dei nipoti: li portano e vanno a prenderli a scuola, li accompagnano nelle varie attività quotidiane, stanno a casa con loro quando sono malati e in estate, a scuole chiuse.

In Svezia questa attività viene oggi stipendiata: i nonni ricevono un piccolo contributo economico che li aiuta nella vita quotidiana, come incentivo e premio per un’attività che farebbero comunque lo stesso e volentieri, cioè la cura dei nipoti. La sperimentazione è partita in inverno nelle province di Dalarna e Stoccolma ed ha coinvolto mille famiglie: ai nonni è stata riconosciuta la cifra di 940 corone (100 euro circa).

In Italia c’è stata una proposta di legge in Parlamento qualche mese fa, che prevedeva uno sconto Irpef per i nonni che si prendevano cura fattivamente dei nipoti, ma non è mai stato approvato. Peccato perchè i nonni, in tutto il mondo, sono una risorsa da cui abbiamo solo da imparare (guarda questo che umilia i giovani a canestro e quest’altro che parte in Erasmus) e andrebbero aiutati in tutti i modi possibili.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti