Suore si barricano nel convento per evitare di essere sfrattate

Le quattro suore domenicane di Marradi (FI) si sono rinchiude nel loro convento contro lo sfratto.

Fonte: 123RF

Arriva da Marradi (Firenze) l’ultima storia di resistenza religiosa ma la fede in senso stretto c’entra poco. Oggi sono solo in quattro nel monastero e il codice canonico imporrebbe la chiusura dello stesso con successivo trasferimento in un centro più grande. Ma le domenicane non vogliono saperne di abbandonare la piccola diocesi toscana e, per sottrarsi allo sfratto, hanno deciso di barricarsi all’interno della struttura.

E a nulla, finora, sono valsi i tentativi di intervento da parte di religiosi esterni per farsi aprire: si sono sentiti rispondere ancora una volta “siamo in preghiera”. A sostenere le consorelle ci sono gli abitanti del paesino del centro Italia, tra i quali spicca l’ex sindaco Paolo Bassetti: “Ci stiamo adoperando per evitare che le monache debbano lasciare la Santissima Annunziata”, si legge su Quotidiano.net.

“Eravamo anche riusciti ad aggregarlo al monastero domenicano di Castel Bolognese, in provincia di Ravenna, ma quell’affiliazione, concessa a dicembre 2018, è stata poi revocata il 21 maggio scorso senza che fosse mai effettiva. Che noia danno le nostre monache? – continua – Si mantengono da sole con le loro pensioni e non chiedono nulla, riescono a far celebrare la messa e sono sempre disponibili. Noi vogliamo che rimangano nel convento […] comunque vada c’è la necessità di trovare una soluzione condivisa.”

La chiusura di Marradi potrebbe diventare solo l’ultimo caso in ordine di tempo di svuotamento dei monasteri causato dalla crisi vocazionale di questi anni. Di recente, infatti, l’ordine domenicano ha visto la chiusura di San Marco a Firenze, dove avevano vissuto anche il Savonarola e il Beato Angelico.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti