Tagliare la cipolla senza piangere: il trucco del tovagliolo

La cipolla è alla base della nostra cucina, ecco come tagliarla senza versare fiumi di lacrime: la dritta arriva da Tik Tok

6 Marzo 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Come ben sappiamo, sedano, carota e cipolla sono alla base della stragrande maggioranza delle preparazioni della nostra cucina: se i primi due sono facili da sbucciare, la cipolla è certamente più ostica sia per il forte odore che emana sia soprattutto perché ci porta a lacrimare.

Esistono dei trucchetti e dei rimedi della nonna che hanno trovato un certo fondamento anche senza grandissime prove scientifiche: avete mai provato a sbucciare la cipolla e nel mentre masticare un po’ di mollica di pane?

Fino al 2002 non si conosceva il nome della sostanza lacrimogena, poi un gruppo di scienziati del Giappone è riuscito a scovare il “colpevole”: la causa dei nostri pianti incessanti è da ritrovarsi nell’ossido S sin-propanetico che, durante il taglio, innesca una reazione a catena e ci fa venire gli occhi più lucidi di quando ci mettiamo a guardare un film super romantico!

Tra i rimedi che hanno preso piede annoveriamo quello di mettere le cipolle in freezer prima di tagliarle: la bassa temperatura ostacolerà la diffusione dell’enzima nell’aria e noi avremo meno fastidio quando affonderemo il coltello.

Giunge però direttamente da TikTok un trucchetto diventato virale (conoscete la ricetta del caffè montato?) in men che non si dica per la sua facilità d’applicazione e per il fatto che non ci siano evidenze scientifiche eppure – stando alle oltre 500mila visualizzazioni ricevute – pare che funzioni!

La TikToker @cerealeatingghost ha svelato alla community il suo personalissimo segreto per tagliare la cipolla senza piangere: “Tutto quello che devi fare è prendere un tovagliolo di carta umido, piegarlo e tenerlo sul tagliere” (qui invece si trasformano delle carote in “bacon croccante”).

Come agisce il tovagliolo umido a contatto con l’agente che ci fa lacrimare gli occhi? La ragazza ha spiegato che la sostanza chimica incriminata è attratta dall’acqua, motivo per cui il trucco della carta assorbente bagnata funziona. “L’irritante che brucia gli occhi trova il tovagliolo di carta prima che trovi le tue lacrime”.

Volete provare a fare una zuppa di cipolle senza finire dallo strizzacervelli per i drammi che vi tornano alla mente a causa dei pianti senza fine? Vi suggeriamo caldamente di usare il tovagliolo inumidito, oppure procuratevi semplicemente degli occhiali che vi proteggeranno gli occhi!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti