L'omino sulla Tesla ci manda il primo selfie da Marte

La Tesla Roadster, con il suo Starman a bordo, ha superato Marte. Inizia ora un lungo viaggio verso casa.

SpaceX annuncia il superamento di Marte da parte della Tesla Roadster. Starman è pronto a ‘tornare a casa’.

Nove mesi dopo il lancio sul razzo Falcon Heavy di SpaceX, la Tesla Roadster, insieme al suo ‘pilota’ in tuta spaziale’, ha superato l’orbita di Marte. Una trovata mediatica che ha dell’incredibile e, ancora oggi, fa parlare il mondo della compagnia di Elon Musk.

Il magnate ha affrontato periodi alquanto bui e di certo ha bisogno più che mai di ‘buona pubblicità’. Ecco dunque arrivare il tweet di SpaceX, che mostra un grafico che evidenzia la posizione dell’auto in orbita e, per i fan più nerd, cita Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams: “La prossima fermata sarà il Ristorante al termine dell’Universo”.

Il cammino della Tesla Roadster non si ferma qui. Ancora adesso prosegue la sua corsa nello spazio, pur non riuscendo a proseguire molto oltre Marte. L’immagine pubblicata da SpaceX infatti rende alquanto chiara la traiettoria del veicolo, che proseguirà in direzione del sole, seguendo un’orbita ellittica. Verrà dunque ripetuto il viaggio, con l’impiego di molto mesi, a meno di imprevisti.

Il lancio è avvenuto il 6 febbraio 2018 e, dopo aver raggiunto Marte, sarà ora necessario attendere fino ad agosto 2019 per ritrovare Starman in giro nel nostro cielo, a bordo della sua Tesla. Il ritorno a casa però non sarà il suo ultimo atto. Tornerà infatti a seguire la sua orbita, in direzione Marte e così via, fino alla propria distruzione. Lo spazio avrà infine la meglio, considerando i raggi cosmici e il vento solare, anche se Musk si era detto fiducioso in merito a un prosieguo del tragitto per miliardi di anni.

La Tesla Roadster dunque sopravviverà a tutti noi, con la sua orbita che l’ha condotta fino a una distanza massima di 250 milioni di chilometri dal Sole, ovvero 1.6 volte la distanza che intercorre tra la Terra e la stella. A questa l’auto si avvicinerà col tempo fino a 150 milioni di chilometri.

Intanto la comunità scientifica ha fatto partire le scommesse sul futuro del particolare astronauta. Uno studio condotto dall’Università di Toronto ha infatti smentito Musk sulle capacità di resistenza del veicolo. La ricerca spiega come nel 2091 la Tesla si avvicinerà alla Terra di qualche centinaio di migliaia di chilometri. Entro un milione di anni avrà il 6% di colpire il nostro pianeta e il 2.5% di colpire Venere.

https://twitter.com/PlanetGreen/status/1060330819712102406

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti