Accade su X dopo l'uscita di Threads: Zuckerberg 'beffa' Musk

Threads di Meta conquista l'Europa, ma su X di Elon Musk accade qualcosa di sorprendente dopo la "beffa" di Zuckerberg. Scopri cosa.

15 Dicembre 2023
Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino

Giornalista

Ph(D) in Diritto Comparato e processi di integrazione e attivo nel campo della ricerca, in particolare sulla Storia contemporanea di America Latina e Spagna. Collabora con numerose testate ed è presidente dell'Associazione Culturale "La Biblioteca del Sannio".

Con l’arrivo di Threads, la piattaforma di microblogging di Meta, in tutti i paesi Unione Europea lo scorso 14 dicembre, il mondo digitale si apre a nuove possibilità di comunicazione attraverso testi, video, foto e audio. Tuttavia, l’impatto di questa novità si fa sentire anche su X, la piattaforma di microblogging di Elon Musk che un tempo si chiamava Twitter, suscitando una serie di reazioni interessanti e qualche polemica. Come avrà risposto Musk all’affondo di Mark Zuckerberg?

Threads in Italia: la nuova rivoluzione nei social di microblogging in Meta style

Il lancio di Threads in Italia ha scosso il panorama dei social network, con la piattaforma di Meta che promette un’esperienza di microblogging piuttosto ricca e interattiva. Threads consente agli utenti di pubblicare dei messaggi, rispondere ad altri utenti e seguire profili di interesse, introducendo un limite di caratteri esteso a 500, superiore a quello offerto da X (280 caratteri).

L’inclusione della possibilità di pubblicare testo, link, foto, video e anche audio rende la piattaforma versatile, mentre la facilità di accesso tramite il profilo Instagram semplifica l’esperienza utente. Non è infatti necessario iscriversi da capo, ma basta usare il proprio account Instagram esistente. Tuttavia, l’attenzione si sposta presto su X, la piattaforma microblogging di Elon Musk, a seguito di una serie di sviluppi interessanti e inaspettati.

Scopri anche:– Così Elon Musk parla ai suoi dipendenti: rese pubbliche le email

Threads vs. X: la “beffa” di Mark Zuckerberg

Non appena Threads ha fatto il suo ingresso nel panorama europeo, ha catturato immediatamente l’attenzione anche su X, la piattaforma di Elon Musk. In pochi minuti, il nuovo arrivato è diventato un argomento di tendenza, suscitando poca sorpresa e tante polemiche.

Molti hanno infatti interpretato questo rapido successo come una sorta di beffa realizzata da Mark Zuckerberg ai danni del suo collega Elon Musk. L’ascesa improvvisa di Threads su X ha non solo alimentato il dibattito sulla competizione tra le due piattaforme, ma gli utenti che si sono divisi tra entusiasmo per la novità. Una serie di eventi che pone necessariamente anche alcuni interrogativi sulle dinamiche di mercato del prossimo futuro. Anche perché sembra che Musk non sia rimasto certo fermo a guardare.

Il mistero della scomparsa del trend: Musk è già contro Threads?

Tuttavia, la situazione ha preso una piega inattesa quando, magicamente, Threads è scomparso dalla lista dei trend su X.

Questa sparizione improvvisa ha subito suscitato speculazioni sulla possibilità che Elon Musk abbia deciso di far rimuovere l’hashtag dalla lista dei trend.

Mentre alcuni utenti si chiedono se Musk stesse cercando di frenare così l’ascesa di Threads, l’hashtag resta comunque attivo e utilizzabile su X.

La misteriosa scomparsa e la successiva riapparizione solo se si vanno a esplorare le tendenze nel dettaglio sollevano domande intriganti sulle dinamiche dietro le quinte, alimentando ulteriormente il mistero. Elon Musk ha pensato davvero di “boicottare” Zuckerberg dopo l’entrata in tendenza di Threads? In molti malignano che sia realmente così. Si tratterebbe di un’azione volta a limitare la concorrenza, ma la realtà – con ogni probabilità – non la sapremo mai.

A meno che uno dei due non decida di esporsi pubblicamente sulla questione.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti