A Baia c'è un albero di fico che cresce al contrario

Un curioso spettacolo della natura

18 Giugno 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

La natura non smette mai di sorprendere e lasciare senza fiato. Sembra incredibile, eppure c’è una pianta di fico nel parco archeologico di Baia, a Bacoli, che cresce rigogliosa ma alla rovescia, con la punta all’ingiù. Questa pianta sfida le leggi della natura e a prima vista potrebbe sembrare che le manchi qualcosa, che sia sospesa nel vuoto.

Questa pianta di fico affonda le sue radici nella volta di pietra antica in una delle strutture delle terme di Mercurio. Se la si osserva da vicino, come riporta IlMattino.it, si nota che essa è ben aggrappata all’antico soffitto nel quale il seme è sbocciato e si è trasformato in albero crescendo però dall’alto verso il basso e non viceversa come invece ci si sarebbe aspettato.

Una vera chicca per i visitatori dell’area del parco archeologico realizzato nel 1938. Difficile dire da quanto tempo la pianta di fico sia lì, ma data la grandezza possiamo dire che cresca senza problemi da tanti anni.

L’area del parco archeologico custodisce quello che era l’antico aspetto di Baia. Un importante contributo per comprendere l’antica bellezza di questa zona è dato oggi dalle scoperte subacquee che hanno svelato le bellezze sommerse di questa zona della Campania.

La spettacolare pianta di fico, in particolare, si trova nel settore delle terme di Mercurio che occupa l’area nord orientale del parco archeologico e si estende su un’unica terrazza, la più bassa. I limiti di questo settore non sono noti e l’area stessa racchiusa nel Parco è stata scavata solo parzialmente. Per effetto del bradisismo questi ambienti sono ora alla stessa quota del mare e quindi invasi dall’acqua.

Il fico che cresce alla rovescia si trova in una struttura situata a pochi metri di distanza dal tempio di Mercurio che originariamente era una sala termale. È l‘ambiente più spettacolare e suggestivo del parco archeologico campano. Per la sua forma a pianta circolare con diametro di 21,6 metri ricorda il Pantheon. Coperto da una cupola semisferica, di età tardo repubblicana – inizio età augustea, rappresenta il più antico esempio di cupola sferica di grandi dimensioni.

Per ammirare le meraviglie del parco archeologico di Baia e la pianta di fico sottosopra bisogna recarsi in loco dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 17.30.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti