Vi piacciono i fichi? Tutti contengono una vespa morta, lo dice la scienza

Amate i fichi? Prima di assaporarli di nuovo sappiate che ognuno contiene una vespa morta

Fonte: Instagram

Se amate i fichi e ne mangiate in quantità industriali quando arriva il loro periodo di maturazione, sappiate che vi siete cibati anche di qualche vespa morta, almeno una per ogni fico. A dirlo è la scienza, che ha spiegato come esista una stretta correlazione fra la vespa Blastophaga psenes e il fico. L’insetto infatti è responsabile dell’impollinazione del Ficus ed è caratterizzato da dismorfismo sessuale, ciò significa che le femmine possiedono le ali, mentre i maschi no.

Questi ultimi grazie al loro apparato boccale creano dei fori, scavando per uscire dalle galle e raggiungere le femmine da fecondare. Il fatto che non abbiano le ali però gli impedisce di abbandonare il frutto. Le vespe perciò sono destinare a morire nel fico e a diventare parte di esso. All’interno del fico non restano tracce della vespa, ma gli scienziati sanno con certezza che almeno un insetto è morto all’interno del frutto, ragion per cui chi lo assaporerà mangerà una vespa.

A svelarlo è uno studio pubblicato su Biology Letters dal titolo “Ancient fig wasps indicate at least 34 Myr of stasis in their mutualism with fig trees”, che ha individuato un legame fra il fico e la vespa, che da sempre vivono in simbiosi. Da 34 milioni di anni infatti 800 specie di fico vengono impollinate dalle vespe, creando un rapporto di interdipendenza. Se la questione vi “impressiona” sappiate che i fichi non sono l’unico alimento a contenere insetti. Uno studio del dipartimento di entolomogia della NYC State University ha dimostrato che nel ketchup sono contenute ogni 100 grammi 30 uova di insetto, mentre il mais in scatola conta 2 larve di insetto per ogni 100 grammi, stesso discorso per i mirtilli, dove troviamo i vermi, il caffè e il burro d’arachidi.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti