Biografia di Rupert Murdoch

Rupert Murdoch è un produttore televisivo australiano famoso in tutto il mondo, e la sua attività lo ha reso uno degli uomini più ricchi al mondo. Ecco qual è stata la sua vita

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Rupert Murdoch nasce l’11 marzo 1931 a Melbourne, da papà Keit e mamma Elisabeth. Dopo la laurea conseguita ad Oxford, ereditò dal padre due testate giornalistiche. Tornato in Gran Bretagna acquisisce due simboli della stampa anglosassone: “The Sun” e “News of the World”. Negli anni ’70 decide di orientare i suoi interessi lavorativi direttamente all’America, acquisendo il “New York Post” e il “New York Magazine”. Ma non finisce qui, in quanto le sue ambizioni accrescono ancor di più il suo patrimonio commerciale e nel 1981 ritrasferisce i suoi interessi nella terra della Regina Elisabetta, dove diviene proprietario del “The Times” e del “Sunday Times”.

La vita di Rupert Murdoch non è solo indirizzata verso interessi giornalistici, ma ben presto diviene persino produttore televisivo. Infatti qualche anno dopo l’acquisizione del “The Times”, riesce a comprare gli studi della “20th Century Fox“, e diviene persino cittadino americano. La tecnologia e le opportunità lo spingono ancora all’acquisizione di varie attività: alla fine degli anni ’80 diviene proprietario di “Sky television”, mentre nel 2005 acquisisce la community “My Space”, poi rivenduta nel 2011.

Nel 2007 decide di tornare alle origini acquisendo sia il gruppo “Dow Jones”, ma soprattutto il “Wall Street Journal“, considerato il quotidiano più conosciuto e letto al mondo. In tutta la sua vita ha avuto tre mogli, dalle quali sono nati ben sei figli, quattro femmine e due maschi. Rupert Murdoch si è occupato spesso della vita politica, in particolare di quella americana dopo esserne divenuto cittadino, schierandosi a favore dei repubblicani. In particolare è da ricordare la sua battaglia politica contraria ai democratici, e nello specifico contraria a Barack Obama.

Come ogni uomo di potere Rupert Murdoch ha dovuto e deve tutt’oggi affrontare scandali e casi che lo riguardano. A partire dal 1978 infatti il “Sunday Times”, di cui Rupert era proprietario, pubblicò dei diari che si pensava fossero appartenuti ad Hitler, senza aspettare il parere di un esperto che ne verificasse l’autenticità. In realtà questi diari erano stati realizzati da un falsario, Konrad Kujau, e lo scoop divenne ben presto un flop. Lo scandalo che ha coinvolto ancor maggiormente Murdoch è però quello che si verificò nel luglio del 2011, e che ha portato alla chiusura del “News of the World“. Infatti venne alla luce che il vice-direttore, nonché i giornalisti di tale rivista, intercettavano VIP, tra cui attori, calciatori e politici, per captarne segreti ed informazioni, da rivendere come notizie e scoop nel settimanale.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti