Blinded by the light, il film ispirato alla musica di Springsteen

La pellicola racconta come la musica del Boss abbia aiutato un giovane nell'Inghilterra degli anni '80 a trovare il coraggio di inseguire i suoi sogni

Bruce Springsteen arriva al cinema, ma non con un biopic. È da poco online il trailer di “Blinded by the light“, pellicola ispirata alla musica del Boss.

Diretto da Gurinder Chadha, il film è basato su “Greetings from Bury Park“, autobiografia del giornalista britannico di origini pachistane Sarfraz Manzoor. Il libro racconta come le canzoni di Bruce Springsteen abbiano giocato un ruolo centrale per il giovane, aiutandolo a superare i suoi conflitti interiori e facendogli trovare il coraggio per inseguire il suo sogno di diventare uno scrittore.

Siamo nella città di Luton, Inghilterra, nel 1987. L’adolescente Javed, britannico di discendenza  pakistana, scrive poesie per sfuggire all’intolleranza razziale di cui è spesso vittima, e all’inflessibilità tradizionalista di suo padre. Quando un suo compagno di classe gli fa conoscere la musica del “Boss”, il ragazzo scopre nei testi delle canzoni dei parallelismi con la sua vita da emarginato. Da questo momento trova il coraggio di ribellarsi alla volontà dei genitori, che vorrebbero per lui un futuro tranquillo, e inizia ad investire su se stesso e sul suo talento.

La pellicola è stata presentata allo scorso Sundance Festival, raccogliendo il plauso unanime da parte della critica. Nel cast troviamo attori sconosciuti ma molto promettenti, come Viveik Kalra, Hayley Atwell, Rob Brydon, Kulvinder Ghir, Nell Williams, Dean-Charles Chapman e Aaron Phagura.

Il vero valore aggiunto di “Blinded by the light” è chiaramente la colonna sonora, realizzata con storici brani di Springsteen. Oltre alle hit più conosciute del Boss, è presente anche il brano “I’ll Stand By You Always”, scritto nel 2001 per “Harry Potter e la pietra filosofale” ma mai utilizzato né ufficialmente pubblicato.

«Nella musica di Bruce Springsteen ho trovato speranza e saggezza. Mi hanno fatto capire come avrei potuto allontanarmi dalla realtà che mi circondava per concentrarmi sul mio sogno e le mie passioni. Il fatto che io sia così affezionato alle sue canzoni mostra come la musica possa trascendere qualsiasi differenza di razza, religione, nazionalità e classe» ha spiegato Manzoor in merito alla sua storia personale. “Blinded by the light” arriverà nelle sale americane il prossimo 14 agosto, mentre non si conosce ancora la data d’uscita italiana della pellicola.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti