Chi è Rose Villain, prima italiana a firmare con Republic Records

Scopriamo chi è Rose Villain, la prima artista italiana che è riuscita a firmare un contratto con Republic Records

Rose Villain è la prima cantante italiana a firmare un contratto con la Republic Records negli Stati Uniti. Classe 1989, l’artista vive in America da quasi dieci anni e attualmente risiede a New York.

Originaria di Milano, la cantante e autrice si è formata studiando presso il conservatorio di musica contemporanea di Los Angeles. In seguito ha frequentato diversi corsi a New York e ha avuto la fortuna di conoscere Eric Beall e Mark Gartenberg, divenuti i suoi manager.

In Italia la sua musica è stata pubblicata per la prima volta da Machete Empire Records. Il suo primo singolo è stato “Get The Fuck Out Of My Pool” che, dopo essere stato pubblicato nel nostro Paese, è stato subito notato dalla label americana.

In seguito ha scritto con Salmo “Don Medellin”, conquistando il disco di platino e vari riconoscimenti. Ha collaborato con il producer SIXPM, pubblicando i singoli “Geisha”, “Kitty Kitty” e “Don’t Call The Po-Po”.

La firma del contratto con la Republic Records è senza dubbio un enorme passo avanti nella carriera di Rose Villain. La casa discografica infatti è stata eletta da Billboard la numero uno al mondo. Nel suo roaster sono presenti artisti di grandi livello, da Ariana Grande a Drake, passando per The Weeknd, Lorde, Nicki Minaj, Post Malone e moltissimi altri.

Rose Villain è la prima italiana che viene scelta dalla label per realizzare nuove canzoni che conquisteranno l’industria discografica mondiale. Secondo alcune informazioni il primo singolo della cantante dovrebbe uscire a breve.

“Ho lasciato il Paese delle zero opportunità musicali, lo dico senza problemi – aveva spiegato qualche tempo fa l’artista a Distopic -. Se si vuole fare qualcosa di contemporaneo e originale nel pop non si può partire da un Paese musicalmente medievale. Mi ispiro ai grandi musicisti che osano e che si reinventano in ogni album come hanno fatto Michael Jackson, Madonna, i Beatles: commerciali ma non convenzionali. Pop per me vuol dire immediato e se in Italia fa rima con prodotto di scarsissima qualità le major dovrebbero farsi un esamino di coscienza”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti