Com’è nato il Big Mac (e cosa c’entra Big Boy)

È uno degli hamburger più popolari da McDonald’s e la sua nascita ha a che fare con il menu di un’altra catena di fast food.

4 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Poche cose identificano la cultura pop degli Stati Uniti meglio del fast food. Non deve, quindi, apparire troppo strano che proprio uno degli hamburger più iconici della catena più diffusa nel mondo sia tra le immagini che maggiormente ne incarnano i gusti a tavola. Il sandwich in questione è il Big Mac, tra i grandi classici del menu nei McDonald’s di ogni angolo del pianeta.

Dal sito ufficiale gli ingredienti indicati sono: pane, carne 100% bovina, formaggio, salsa Big Mac, insalata, cipolla e cetriolo. Un panino talmente famoso da sembrare essere un tutt’uno con il marchio. Eppure, secondo quanto riferito da mashed.com, questo hamburger non nacque con la catena. Il Big Mac, infatti, non rientrava nell’offerta culinaria originale ma fu ideato successivamente prendendo ispirazione da… Big Boy Restaurants.

A metterne a punto la ricetta fu, in particolare, Jim Delligatti che guidava il franchising McDonald’s nell’area di Pittsburgh. Adocchiando il menu della catena Big Boy, il responsabile notò un panino che proponeva due fettine di carne racchiuse in altrettante fette di pane al sesamo. Il sandwich di Big Boy era particolarmente apprezzato dagli operai perché più nutriente; d’altra parte, McDonalds non aveva ancora nulla di simile.

Da qui, l’intuizione di Delligatti che modificò la formula arricchendola in maniera inedita con la lattuga, il formaggio, alcuni sottaceti e la propria versione della salsa. Il risultato è quello che tutti oggi conosciamo. “Non è stato come scoprire la lampadina”, riferisce ancora il sito americano riportando un estratto dalle parole di Delligatti nel volume di John F. Love McDonald’s: Behind The Arches. “La lampadina c’era già, era lì: io non fatto altro che avvitarla nel portalampada”.

Grazie allo spirito d’osservazione e a un’abile mossa di marketing, il Big Mac fece breccia nei gusti dei clienti diventando presto un must del menu.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti