Comportati bene! 11 consigli di esperti per domare i bambini capricciosi

Educare bambini capricciosi non è semplice: di fronte alle loro monellerie l'adulto di riferimento può sentirsi impotente. Ecco qualche utile consiglio

Fonte: flickr

Come educare i bambini capricciosi è una delle domande che tutti i genitori costretti a questo compito devono porsi. Per riuscire a mantenere un ruolo autorevole, l’adulto deve gestire le situazioni più difficili con polso fermo e senza mai perdere la calma. Il primo consiglio è sicuramente quello di ricordare che i bambini capricciosi con il loro comportamento svelano disagi e paure: cercare di avere un atteggiamento d’ascolto è il primo passo per risolvere il problema.

Il tono di voce è fondamentale: urlare è sintomo di difficoltà. L’adulto deve usare un eloquio deciso ma pacato anche con i bambini più capricciosi. Riconoscere la rabbia e gli stati d’animo del bimbo è, inoltre, molto importante: il genitore deve confortare il figlio, spiegandogli che provare emozioni negative è normale. Questo ci porta a definire un concetto del tutto nuovo di disciplina: un bimbo educato non sopisce le emozioni ma è in grado di accettarle e gestirle.

Tra i piccoli accorgimenti utili per educare bambini capricciosi c’è sicuramente quello di pianificare con anticipo le attività sgradite e di mettere nero su bianco un calendario che il bambino può consultare e personalizzare. Inoltre è sempre bene offrire al piccolo alcune opzioni di scelta per coinvolgerlo nei processi decisionali. In molti corsi per genitori, inoltre, si consiglia di instradare i bambini allo yoga per renderli più riflessivi e posati.

Il modo migliore per educare bambini capricciosi, comunque, è quello di incentivare le caratteristiche positive del piccolo: non è necessario gonfiare il suo ego con rinforzi esagerati e poco realistici ma bisogna sottolineare con delicatezza un’indole positiva e stabile. Inoltre anche gli avvisi ed i rimproveri devono essere fermi ma dolci: le minacce e gli ultimatum troppo aspri funzionano peggio rispetto ad avvertimenti chiari ma affettuosi.

Un altro accorgimento molto importante è quello di insegnare al bambino come manifestare la propria gratitudine: in questo modo il piccolo potrà imparare cosa è veramente importante. Infine, per educare dei bambini capricciosi bisogna coltivare la loro naturale propensione alla gentilezza. Solo così il bimbo potrà arricchirsi di un comportamento empatico verso il resto del mondo, fondamentale per uno sviluppo emotivo equilibrato.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti