Cosa vedi? La risposta rivelerà molto del tuo cervello

Gli studiosi dell’università di Alberta hanno condotto uno studio molto interessante sul funzionamento del cervello

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Anatra o coniglio? Due conigli o due anatre? O anatra e coniglio? Quello che le persone riescono a vedere in questa immagine la dice lunga sul funzionamento del loro cervello.

Il cervello umano è una macchina affascinante e complessa. Si dice che le persone usino solo una piccola parte del suo potenziale e che in realtà, con uno sforzo in più, si potrebbero fare davvero grandi cose. Senza arrivare alla telepatia o al teletrasporto, alcuni studiosi continuano a fare ricerca su di esso, cercando di scoprire sempre nuove cose sul suo funzionamento e le sue caratteristiche. Kyle Mathewson, neuroscienziato dell’Università di Alberta, ha ripreso un vecchio esperimento dello psicologo statunitense Joseph Jastrow – fatto nel 1892 – e lo ha attualizzato. Ecco cos’ha scoperto.

Nel disegno riportato da Medical Press, Kyle Mathewson ha duplicato lo schizzo di Joseph Jastrow. Cosa vede il vostro cervello? Con ogni probabilità o un coniglio o un’anatra. Ma se vi dicessimo d’immaginare un’anatra che mangia un coniglio, la vostra percezione cambierebbe immediatamente. «Lo zoom del cervello cambia inquadratura, e riesce a vedere il quadro generale quando un’immagine è messa in contesto con un’altra – ha detto Kylie Mathewson a Medical Press – Ma questo studio dimostra anche che possiamo controllare il modo in cui il cervello interpreta le informazioni solo con qualche parola o un’immagine. Dobbiamo esserne consapevoli, ad esempio, quando leggiamo una nuova storia. Spesso interpretiamo e capiamo le informazioni nel modo che vogliamo noi».

Ma non è finita qui: immaginate adesso un’anatra dietro il coniglio. Non ci riuscite, vero? Questo perché nessuno ha specificato quale sia l’anatra e quale il coniglio. «Quello che abbiamo scoperto è che bisogna trovare un modo per differenziare la scena e permettere al cervello di scegliere tra due alternative», ha concluso Mathewson. Lo studio si chiama “Duck Eats Rabbit: Exactly Which Type of Relational Phrase Can Disambiguate the Perception of Identical Side by Side Ambiguous Figures?” ed è stato pubblicato sulla rivista Perception.

Il disegno originario di Joseph Mastrow, era composto invece da una sola immagine. Non era importante vedere o l’anatra o il coniglio, quanto la velocità di passaggio che la mente era in grado di fare tra due frame. Maggiore è la rapidità, più creativa è la persona che ci troviamo davanti.

Cosa vedi? La risposta rivelerà molto del tuo cervello

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti