D'estate bevete tè caldo, vi rinfresca! #lodicelascienza

I tuareg non sbagliano: bere tè caldo effettivamente rinfresca. Ecco spiegato il meccanismo e anche perchè è meglio evitare di imitarli in città

Fonte: 123rf

Può sembrare un paradosso, eppure la saggezza millenaria dei Tuareg non sbaglia: nelle loro tende, nel deserto del Sahara, sorseggiano infusi bollenti anche nelle ore più calde. Come ci riescono e perché? E soprattutto, possiamo imitarli per avere sollievo nelle giornate più calde?

Uno studio scientifico apparso su PubMed ha spiegato questo meccanismo: per farlo, ha equipaggiato un gruppo di ciclisti con sensori per misurare la temperatura della pelle e un boccaglio per rilevare la quantità di ossigeno e anidride carbonica consumata. Sono stati rilevati anche altri parametri, come temperatura dell’aria, umidità ed altri fattori. Infine, durante l’allenamento, alcuni hanno bevuto acqua calda ed altri acqua fresca. Il risultato è stato che chi ha bevuto acqua calda ha accumulato meno calore degli altri.

La spiegazione è semplice: il sudore serve proprio a smaltire il calore in eccesso e a far scendere la temperatura del corpo. Se mandiamo giù una bevanda calda, sudiamo di più e ci sentiamo più freschi.

Questo funziona nel deserto, ma molto meno nelle nostre città durante le giornate di canicola (ecco qualche trucco per stare più freschi di notte): il meccanismo di termoregolazione funziona infatti solo se non c’è troppa umidità nell’aria e se possiamo sudare tranquillamente, quindi senza essere vestiti troppo o con abiti stretti.

In città, all’ora di punta, continuate a preferire una bibita fresca e, se potete, evitate proprio di uscire: se invece avete la fortuna di fare una passeggiata nel deserto, concedetevi pure il tè caldo che vi offriranno! (sapevate che esiste anche al formaggio?)

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti