Firenze illuminata contro il cambiamento climatico

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, Palazzo Vecchio a Firenze si accende per denunciare il cambiamento climatico.

22 Aprile 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123RF

I cittadini di Firenze uniti per dire basta al surriscaldamento climatico. Succede nella Giornata Mondiale della Terra 2021 (22 aprile), occasione in cui Palazzo Vecchio si illumina con la scritta ‘Stop Global Warming’. La proiezione – dalle 20.30 – fa parte dell’iniziativa omonima alla quale il comune toscano ha aderito con l’impegno di sensibilizzare la popolazione in materia di clima e ambiente.

Il sindaco della città Dario  Nardella, in particolare, è schierato in prima fila a sostegno della campagna anche nelle vesti di presidente di Eurocities. ‘Stop Global Warming’ si rivolge ai cittadini europei e intende arrivare alla soglia minima di 1 milione di firme da sette Paesi per sollecitare i governi del vecchio continente a intervenire prima degli accordi di Glasgow in calendario per l’autunno. Soprattutto in previsione degli incontri interministeriali del G20 proprio a Firenze a settembre 2021.

Tutto parte dalla mobilitazione dei sindaci per arrivare alle istituzioni comunitarie. “Dove non arrivano gli Stati possono arrivare le città con piani concreti che guardino al futuro e siano in grado di investire in politiche di sostenibilità e stili di vita”, sono le parole del sindaco Nardella riportata da intoscana.it. “Tutti insieme possiamo affrontare questa importante sfida”, aggiunge il primo cittadino alla cerimonia inaugurale dell’Anno Accademico dei Georgofili.

“La pandemia ha anche cannibalizzato ogni altro tema e a farne le spese è stato anche il cambiamento climatico – continua Nardella – “dobbiamo avere la forza e la capacità di riscoprire l’opportunità di una crisi”. Perché, afferma ancora il sindaco “non c’è più tempo da perdere. Avremo dalla nostra parte le nuove generazioni, più sensibili rispetto a quelle precedenti, su queste tematiche”.

Da parte propria, poi, l’Accademia dei Georgofili condivide e sostiene l’impegno della città mettendo al servizio della collettività competenze e conoscenze.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti