Galileo, l'asino che crede di essere un cane

La bizzarra storia dell'asino che ora deve affrontare un percorso di rieducazione

14 Giugno 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Ha qualche problema di personalità Galileo, un simpatico asino che è convinto di essere un cane. Come riporta Lastampa.it, questo animale era stato abbandonato a Huelva, un comune spagnolo situato nella comunità autonoma dell’Andalusia. Dopo l’abbandono dei suoi precedenti proprietari è stato trovato ed è stato accolto nel “Centro Municipal de Acogida de Animales”.

Qui Galileo ha vissuto per nove mesi, e in questo lasso di tempo è stato curato e accudito dello staff della struttura, che fa sapere: “Lo abbiamo curato e riabilitato facendogli anche i vaccini e mettendogli un microchip”.

Fin qui tutto bene, se non fosse che in questo luogo l’asino Galileo si è trovato fianco a fianco con altri cani e ha vissuto in loro compagnia. Proprio in virtù di tutto questo tempo passato tra i suoi nuovi amici il nostro eroe si è convinto di essere anche un cane anche lui e ha cominciato a imitare i loro comportamenti.

È lo staff della struttura che ha ospitato Galileo a spiegare il motivo di questa curiosa vicenda: “Gli asini tendono a copiare il comportamento degli altri animali ed è proprio quello che è successo a Galileo”. Ma che cosa fa nello specifico Galileo? Mordicchia oggetti e gioca con i cani e con gli esseri umani proprio come farebbe un cane: “È la prima volta che ci capita una cosa del genere – aggiungono ancora dal centro -. Gli asini sono molto empatici e se da piccoli si convincono e si immedesimano con chi gli sta intorno possono credere di essere ciò che non sono”.

Ora Galileo è stato affidato all’Associazione El Burrito Feliz e per lui inizia una nuova fase: “Qui l’animale potrà stare con altri asini, capire la sua vera identità e natura e dimenticare il suo passato ‘da cane’ grazie a un percorso di rieducazione” concludono.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti