Gioca a Just Dance per 138 ore di fila: è record

Un'impresa che ha dell'incredibile quella di Carrie Swidecki, che ha giocato per 138 ore di fila a Just Dance, entrando nel Guinness dei Primati.

2 Aprile 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: ANSA

Sta spopolando in questi giorni di isolamento forzato e quarantena l’applicazione Just Dance, creazione dell’italiana Ubisoft Milano e rilasciata inizialmente nel 2009 per la Wii.

Nel 2020, però, il gioco si è adattato alle esigenze dell’epidemia permettendo a tutti di poterne usufruire, approfittando anche di un ottimo metodo per fare movimento se si è allergici alle lezioni di yoga e fitness sui canali YouTube. Basta avere uno smartphone e un pc o un Mac, o in alternativa una smart TV. Le modalità sono molteplici e molto semplici da usare.

La notizia che sta rimbalzando sul web in questi giorni riguarda proprio un’appassionata del videogioco (nella sua versione del 2015, per l’esattezza), che si è chiaramente lasciata prendere la mano (e del resto ormai il tempo non manca).

Carrie Swidecki, insegnante statunitense residente a Bakersfield, è infatti diventata la detentrice del nuovo record mondiale di Just Dance per aver giocato per ben 138 ore di fila.

Stiamo parlando di circa sei giorni di ballo ininterrotto, che hanno messo a dura prova – per ovvi motivi – il fisico di Carrie. L’insegnante è tuttavia abituata a maratone di questo tipo: ha iniziato ad appassionarsi ai videogiochi di movimento 20 anni fa con Dance Dance Revolution e, attualmente, i suoi record sono sei.

La Swidecki ha dichiarato che questa sua passione l’ha portata a collaborare con i suoi alunni per stabilire nuove modalità di tenersi in allenamento e, dato ancora più importante, a sconfiggere l’obesità.

“È stato un incredibile viaggio di 20 anni – ha dichiarato l’insegnante, come riporta Il Giornale – che mi ha portato dall’essere obesa a detentore del Guinness dei Primati, all’International Hall of Fame Inductee dei videogiochi, e uno dei principali sostenitori dell’educazione all’uso dei videogiochi come strumenti per combattere l’obesità infantile mentre si infrangono le barriere per le donne della mia età negli sport”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti