0, 0, 1, 0, 0, 0, 0 trend

La vera differenza tra pane integrale e multicereali

Volete fare il pieno di fibre e siete indecisi se acquistare il pane integrale o quello multicereali? Ecco come regolarsi nella scelta

2 Dicembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Chi è attento alla propria alimentazione, sceglie con cura gli alimenti da portare a tavola, affinché siano sani e nutrienti. Ma non tutti i cibi che sembrano salutari lo sono realmente. È il caso di alcuni cibi precotti surgelati, ad esempio, che possono rivelarsi ricchi di additivi. Ma anche il pane può nascondere delle insidie, soprattutto quando si opta per quello ai cereali. Spesso si è portati ad acquistarlo nella convinzione di fare il pieno di cereali integrali – ricchi di fibre – mentre in realtà può contenere farina bianca o altri tipi di grano comunque raffinati. La vera differenza tra pane integrale e multicereali sta proprio qui: solo il primo garantisce che sia stato realizzato con chicchi di cereali interi e non lavorati.

Ci sono però delle accortezze che vi permetteranno di variare l’alimentazione, consentendovi di consumare il pane ai cereali ogni volta che ne avrete voglia. Intanto, acquistatelo fresco, dal vostra panettiere di fiducia: lui saprà certamente indicarvi come è stato realizzato e se i cereali impiegati nell’impasto sono davvero integrali.

Nel caso decidiate di acquistare un prodotto già confezionato, è consigliabile dare un’occhiata all’etichetta (sapevate che leggere le etichette può aiutare a dimagrire?), scorrendo i vari ingredienti. Se trovate scritto che cereali e grani sono al 100% integrali, potrete metterlo nel carrello in tutta tranquillità.

Va ricordato, infatti, che multicereali significa semplicemente che quel pane è stato realizzato con almeno 7 cereali, generalmente orzo, lino, miglio, avena, grano e farina integrale. Sebbene alcune varietà includano anche semi commestibili nell’impasto, come semi di lino, quinoa, semi di zucca e semi di girasole, questo non è una garanzia di integralità delle materie prime, che potrebbero quindi essere state trattate, come avviene con la classica farina bianca (ecco come sostituirla se l’avete terminata).

Insomma, se volete un’alternativa al pane bianco che sia gustoso e allo stesso tempo davvero sano e benefico per il nostro organismo, non potete che optare per il pane integrale, che a differenza di quello multicereali, è preparato davvero con chicchi integrali e non trattati.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti