Le parole inglesi che probabilmente sbagli a scrivere

Come ve la cavate con l’inglese? Mettetevi alla prova per un ripasso generale: ecco le parole che forse sbagliate a scrivere

8 Luglio 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Visto che le scuole sono finite e in attesa di capire come si tornerà sui banchi a partire dal prossimo settembre pur rispettando tutte le disposizioni anti-Covid, gli studenti potrebbero annoiarsi parecchio a forza di passare ore e ore sul divano davanti allo smartphone a scrollare la gallery di Instagram o guardare video su Tik Tok (a proposito, questo video è diventato virale).

Ma ci siamo noi in soccorso a riportarli alla realtà: dopo alcuni quiz matematici che hanno fatto impazzire molti utenti del web, perché non passare all’inglese?

Per gli italiani, che pronunciano le parole come le scrivono, l’inglese presenta diverse insidie sia nella forma orale che scritta e spesso gli errori ortografici, anche per chi se la cava, sono dietro l’angolo. Anche perché – ammettiamolo – senza controllo ortografico e correzione automatica, i nostri testi ed e-mail includerebbero probabilmente una bella manciata di errori di battitura.

Ecco una serie di vocaboli che molto probabilmente nascondono qualche trappola, non solo per gli italiani ma anche per gli stessi anglofoni.

Achieve”, che significa “ottenere”, “raggiungere” è una di quelle eccezioni alla regola grammaticale inglese per cui non va mai messa la “i” davanti alla “e”; “grateful” ricordatevi di scriverlo con una sola “l” finale e “cemetery” spesso finisce per essere scritto con qualche “i” di troppo per via dell’assonanza con il corrispettivo italiano.

Tragedy” e “privilege” non hanno bisogno dell’aggiunta di una “d” prima dell’ultima sillaba “be”, mentre per “conscious” dobbiamo ricordarci la sequenza corretta “iou” per fare lo spelling giusto.

Capitolo a parte per i cosiddetti “false friends”, ovvero quei termini che presentano una notevole somiglianza morfologica con parole italiane, ma il cui significato non corrisponde.

Per non rischiare altri errori imbarazzanti, ricordate che “actually” non significa “attualmente” ma in realtà; “argument” è “litigio”, “cold” è ovviamente “freddo” e non caldo, “parents” sono i genitori e non i “relatives”, infine “large” significa “grande” invece che “largo”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti