Mondo perduto preistorico nascosto in Argentina: sopravvivono lì

L'Università del Colorado Boulder ha scoperto un ambiente "precedentemente sconosciuto alla scienza"

20 Dicembre 2023
Alessia Malorgio

Alessia Malorgio

Content Specialist

Ha conseguito un Master in Marketing Management e Google Digital Training su Marketing digitale. Si occupa della creazione di contenuti in ottica SEO e dello sviluppo di strategie marketing attraverso canali digitali.

Fonte: 123rf

Possibile che ci sia ancora oggi, nel 2023, una parte della Terra ancora sconosciuta, nascosta ai satelitti, all’esplorazione dell’uomo? A quanto pare la risposta è sì. Un gruppo di scienziati ha vissuto il suo momento eureka, quando ha scoperto quelle che è apparso come un “mondo perduto” preistorico, rimasto nascosto per millenni, forse milioni di anni, alla conoscenza umana.

Nascosto nella Puna de Atacama in Argentina, gli scienziati hanno trovato un deserto ad altipiano che si trova a oltre 12.000 piedi sopra il livello del mare, uno degli ambienti più aridi al mondo. L’Università del Colorado Boulder ha scoperto l’area, con un ambiente “precedentemente sconosciuto alla scienza”, che si è rivelato essere la casa di 12 lagune che si estendono su oltre 25 acri circondate da pianure di sale.

Brian Hynek, professore al Laboratorio di Fisica Atmosferica e Spaziale (LASP) e al Dipartimento di Scienze Geologiche, ha scoperto le lagune insieme alla microbiologa Maria Farías l’anno scorso ed una serie di nuove ricerche che si sono susseguite nei mesi hanno rivelato un intero mondo perduto nascosto all’interno delle lagune.

Mentre si pensava che poche piante o animali potessero sopravvivere lì, sotto l’acqua gli scienziati hanno potuto osservare vibranti rappresentazioni di stromatoliti; complesse comunità microbiche che formano grandi montagne di roccia, simili ai coralli in una barriera corallina. Osservazioni preliminari di Hynek suggeriscono che queste comunità potrebbero richiamare le stromatoliti che esistevano durante il periodo archeano precoce, 3,5 miliardi di anni fa, quando l’ossigeno era quasi inesistente nell’atmosfera. Hynek ha dichiarato: “Questa laguna potrebbe essere uno dei migliori esempi moderni dei primi segni di vita sulla Terra. È diversa da qualsiasi cosa abbia mai visto o, davvero, da qualsiasi cosa abbia mai visto uno scienziato.”

Il professore ha aggiunto: “Se la vita si fosse mai evoluta su Marte fino al livello dei fossili, sarebbe stata così. Comprendere queste comunità moderne sulla Terra potrebbe informarci su cosa cercare mentre cerchiamo caratteristiche simili nelle rocce marziane.” Secondo Hynek la scoperta dell’ambiente preistorico in Argentina “è semplicemente incredibile che si possano ancora trovare cose non documentate come questa sul nostro pianeta.”

Cosa sappiamo della Puna de Atacama

La Puna de Atacama si estende principalmente attraverso l‘Argentina settentrionale, nella provincia di Salta e Jujuy, e raggiunge anche il nord del Cile. Questa regione è parte dell’Altopiano delle Ande, una vasta area di alta montagna situata tra le catene montuose delle Ande. E’ caratterizzata da un’altitudine molto elevata, con molte delle sue pianure e altopiani situati a oltre 3.500 metri sul livello del mare. Alcune delle sue aree più alte superano anche i 4.000 metri. La Puna de Atacama ha un clima arido e freddo, con temperature che possono variare notevolmente tra il giorno e la notte. Le precipitazioni sono scarse, e molte parti della regione sono desertiche. La regione è caratterizzata da paesaggi spettacolari, tra cui vulcani, lagune, salare (come il Salar del Hombre Muerto) e canyon. La bellezza della Puna de Atacama è spesso legata alla sua vastità e alla sua natura selvaggia. Nonostante le condizioni ambientali difficili, la Puna de Atacama ospita una varietà di specie adattate alla vita in alta montagna. Tra la fauna si possono trovare camelidi come le vicuñe e le lama, così come varie specie di uccelli. La flora è costituita principalmente da piante adattate alle condizioni aride e alle alte altitudini. La popolazione umana nella Puna de Atacama è scarsa, e molte comunità sono dedite principalmente all’agricoltura e all’allevamento di animali adattati alle condizioni locali.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti