Cos'è il mouse jiggler e perchè non piace ai datori di lavoro

Si chiama Mouse Jiggler il fenomeno dei metodi per simulare il movimento del cursore sullo schermo, oggi diffusissimo tra chi lavora in smart working

31 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Avete mai sentito parlare di ‘mouse jiggler‘? Se sì, sapete anche di cosa si tratta: è uno strumento per muovere il mouse da remoto, al fine di mantenere il cursore attivo ed evitare che il computer vada in stand-by. Ma per certi motivi questi strumenti (detti anche ‘mouse mover‘) non piacciono affatto ai datori di lavoro. Andiamo a scoprire il perché.

Partiamo dal principio. Sin dall’inizio della pandemia, il lavoro da remoto è entrato prepotentemente nelle nostre vite: sono tantissime le persone che tutt’ora sono in smart working e passano molte ore davanti al computer direttamente dalle stanze della propria casa.

Ebbene, proprio nell’ambito del lavoro da remoto gli strumenti di mouse jiggler vengono spesso utilizzato per simulare la propria presenza davanti al computer, per evitare che lo stesso vada in stand-by o che lo stato delle proprie connessioni vada in automatico su ‘inattivo’ o ‘non disponibile’.

Si tratta di piccoli strumenti che funzionano in maniera diversa. Ci sono i mouse jiggler USB, dei semplici dispositivi non differenti da una pen drive, che si fingono un cursore in continuo movimento sullo schermo. Ci sono quelli ‘robotici’, ovvero agganciabili a un mouse o a un touchpad al fine di titillarlo e muoverlo fisicamente (un lavoro simile fanno anche quelli ad impulsi). Infine, ci sono i mouse jiggler software, dei veri e propri programmini che simulano il funzionamento del cursore ma che, in realtà, sono facilmente rivelabili e spesso poco affidabili.

Viene da sé che simili strumenti non vengono affatto apprezzati dai datori di lavoro di chi è in smart working, in quanto riescono a simulare l’attività di chi in quel momento non si trova affatto davanti al computer. Dall’altro lato, però, diventano strumenti fondamentali per quei lavoratori che hanno bisogno di una piccola pausa, anche solo per andare in bagno, mangiare od occuparsi dei propri figli.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti