0, 1, 0, 2, 1, 0, 1 trend

Perché queste scimmie annoiate valgono così tanto (in NTF)

Sembrano semplici disegni, ma il giro d'affari che sta loro intorno è incredibile

30 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Ah i misteri del web. Avreste mai detto, ad esempio, che dei disegni di scimmie avrebbero potuto valere una fortuna? Tutto merito, o colpa, degli NFT, certificati di autenticità digitale usati per garantire la proprietà di determinati oggetti e renderli unici.

Nello specifico stiamo parlando del fenomeno chiamato”Bored Ape“, disegni di scimmie che sono arrivati a valere centinaia di migliaia di dollari senza una apparente ragione. Come riporta il sito Ilpost.it fanno parte dei cosiddetti “collectibles”, cioè NFT da collezione che esistono in serie limitate, e sono state realizzate all’interno di un progetto chiamato Bored Ape Yacht Club, che si può tradurre con “club esclusivo di scimmie annoiate”.

L’NFT di ognuna delle 10mila scimmie esistenti fu venduto ad aprile per meno di 200 dollari, ma poi qualcosa cambiò. A determinarne il valore furono le successive transazioni, quelle del cosiddetto mercato secondario. In tutto hanno avuto un valore complessivo di quasi 100 milioni di dollari e oggi alcune di quelle scimmie valgono più di un milione.

Ma che cosa c’è dietro il Bored Ape Yacht Club? Come ha scritto il New Yorker “è una strana combinazione tra una esclusiva comunità online, un gruppo di azionisti e un’associazione di appassionati d’arte“. Le scimmie furono presentate come degli alter ego digitali necessari per avere accesso al “club”. Andarono a ruba in meno di 12 ore e poi rivendute diverse volte, con prezzi che cambiavano a seconda delle loro caratteristiche.

I due fondatori del progetto intervistati dal New Yorker hanno rivelato che prima di creare il Bored Ape Yacht Club facevano lavori decisamente diversi: uno era editor e scrittore, l’altro “stava considerando l’ipotesi” di intraprendere studi umanistici. Decisero di fare una serie di NFT da collezione ispirati dal successo dei CryptoPunks, esserini composti da pochi pixel che esistevano già dal 2017 ma che come tutti gli NFT sono cresciuti soprattutto durante il 2021.

Scelsero quindi di puntare sulle scimmie annoiate, ma perché proprio le scimmie? Uno dei due ha attribuito la scelta a un gioco di parole con l’espressione “aping it” (usata nel contesto degli NFT e delle criptovalute in riferimento alla perdita di molti soldi), l’altro al fatto che “a entrambi piacciono le scimmie”. Un successo testimoniato dal fattp che anche grandi personalità iniziarono a volerle “possedere”. Tra chi ne ha comprata una ci sono il conduttore Jimmy Fallon e il giocatore di basket Steph Curry.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti