29 Febbraio, la maledizione dell'anno bisesto: gli eventi 'funesti'

Il 2024 sarà un anno bisestile. Ma per quale motivo si dice "anno bisesto, anno funesto"? Andiamo a scoprire le origini di questa credenza popolare.

28 Febbraio 2024
Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino

Giornalista

Ph(D) in Diritto Comparato e processi di integrazione e attivo nel campo della ricerca, in particolare sulla Storia contemporanea di America Latina e Spagna. Collabora con numerose testate ed è presidente dell'Associazione Culturale "La Biblioteca del Sannio".

Il 2024 si preannuncia come un anno eccezionale, con la peculiarità del 29 Febbraio, tipico degli anni bisestili. Questa caratteristica offre un giorno extra, una rarità che porta ad approfondire le radici e i significati dietro questa data unica.

Tradizionalmente, questa caratteristica temporale è stata associata a presagi di sfortuna e instabilità. Ma è davvero giustificato considerare gli anni bisestili come portatori di disgrazie, o si tratta solo una superstizione radicata nel passato? Andiamo ad esplorare insieme le origini di questa credenza e cerchiamo di capire se il 2024 sarà davvero un anno maledetto.

Perché esistono gli anni bisestili?

Com’è noto, l’anno bisestile è contraddistinto dalla presenza di 366 giorni anziché 365 e si verifica ogni quattro anni. Questa aggiunta di un giorno, inserito nel mese di Febbraio, è il risultato del calcolo astronomico che tiene conto del tempo che la Terra impiega per compiere una rivoluzione intorno al Sole. Gli anni secolari, tuttavia, devono essere divisibili per 400 per essere considerati bisestili. Il 1900, ad esempio, non è stato bisestile, mentre il 2000 lo è stato. Questo ciclo mira a compensare le sei ore aggiuntive accumulate ogni anno solare.

Il concetto di anno bisestile ha le sue origini nel tempo dell’antico impero romano, quando Giulio Cesare introdusse un giorno extra ogni quattro anni per allineare il calendario con le stagioni. Questo aggiustamento era fondamentale per evitare disallineamenti stagionali che avrebbero potuto causare problemi pratici, come la celebrazione di eventi come il Natale e la Pasqua durante periodi sbagliati dell’anno. Il 29 Febbraio fu scelto come il giorno extra da aggiungere al calendario giuliano, poiché il Capodanno romano cadeva il 1° marzo.

Successivamente, con la riforma del calendario gregoriano nel 1582, si sono apportate migliorie al sistema per correggere piccoli disallineamenti accumulati nel calendario giuliano rispetto al movimento solare. Questa riforma ha stabilito regole precise, incluso il fatto che gli anni secolari non sono bisestili a meno che non siano divisibili per 400. Questo approccio complesso ha mantenuto l’armonia del calendario con i cicli solari nel corso dei secoli.

Sebbene la tradizione dell’anno bisestile possa sembrare complessa, è stata cruciale per mantenere l’accuratezza del calendario nel tempo. Il 29 Febbraio rimane una data speciale, un raro regalo temporale che si ripresenta solo ogni quattro anni, portando con sé la storia e la precisione del tempo misurato dall’uomo.

Per quale motivo portano gli anni bisestili portano sfortuna?

Già gli antichi Romani credevano che l’anno bisestile portasse sfortuna, associandolo ai mesti rituali religiosi dei Feralia, celebrati nel mese di Febbraio in onore dei defunti. La presenza di un giorno in più rendeva Febbraio un mese funesto, portando gli antichi romani a considerare l’intero anno come un periodo di potenziale guaio.

Nel mondo anglosassone, tuttavia, si coltiva l’opinione opposta: l’anno bisestile è visto come particolarmente fortunato e propizio per chi desiderasse intraprendere nuove imprese. Questa divergenza nelle credenze riflette la varietà di interpretazioni culturali legate a questa particolare caratteristica temporale.

Proverbi e detti legati all’anno bisestile e alla sfortuna

La cultura latina ha generato numerosi proverbi e detti legati agli anni bisestili, riflettendo spesso una visione negativa:

  • Anno bisesto che passi presto“.
  • Anno bisesto, anno funesto”.
  • Anno bisesto tutte le cose van di traverso“.
  • “Anno che bisesta non si sposa e non s’innesta”.
  • “Se l’anno è bisestile, riempi il sacco e il barile”.

Si tratta di espressioni che testimoniano la persistenza delle credenze negative legate agli anni bisestili nella cultura popolare. Ma cosa è avvenuto nella storia durante gli anni bisestili?

Cosa è avvenuto nella storia durante gli anni bisestili?

Gli anni bisestili, nel corso dei secoli, sembrano essere stati testimoni di eventi negativi che hanno lasciato un’impronta indelebile nella storia. Nel 1666, un terribile evento sconvolse Londra con il Grande Incendio, che devastò vaste aree della città. Nel 1792, durante un altro anno bisestile, iniziò il periodo della Rivoluzione Francese in cui si cominciò a fare un utilizzo spietato della ghigliottina.

Nel 1866, il chimico svedese Alfred Nobel mise a punto la dinamite, un’invenzione destinata a essere ampiamente impiegata in ambito bellico, contribuendo a trasformare gli anni bisestili in periodi di innovazione dal dubbio retrogusto.

Il naufragio del Titanic, avvenuto nel 1912, è un altro drammatico capitolo della storia che si svolse in un anno bisestile.

Tuttavia, gli anni con il 29 Febbraio non risparmiarono neanche alcune delle personalità più influenti del loro tempo. Gandhi cadde vittima di un assassinio nel 1948, mentre nel 1968 sia Martin Luther King che Robert Kennedy furono tragicamente uccisi. Nel 1980, un altro anno bisestile, il mondo perse una delle sue icone musicali più amate, John Lennon.

Oltre a queste tragedie, altri eventi infausti hanno segnato gli anni con il 29 Febbraio. Terremoti devastanti, come quelli di Messina nel 1908, del Friuli nel 1976 e dell’Irpinia nel 1980, hanno causato distruzione e perdite umane. Il massacro di Monaco di Baviera durante le Olimpiadi estive del 1972 e lo tsunami nell’Oceano Indiano nel 2004 sono ulteriori esempi di momenti oscuri associati a questi anni apparentemente maledetti.

Tuttavia, è importante notare che molte tragedie si sono verificate anche in anni “normali”, sminuendo la cattiva fama degli anni bisestili. La casualità dei fatti storici non sembra rispettare un calendario specifico, e attribuire sistematicamente la sfortuna agli anni con il 29 Febbraio potrebbe essere un esercizio di puro fatalismo.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti