Pizzaiolo vieta l'ingresso ai bambini maleducati

Succede a Sondrio: un cartello all'esterno della pizzeria avverte i genitori dei bambini irrequieti di non entrare.

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123RF

Le persone maleducate e fastidiose di questi tempi rischiano di disturbarci ovunque, ma Gabriele Berbenni – pizzaiolo 25enne del Bagà (a Villa di Tirano, Sondrio) – ha in mente una categoria specifica, quella dei bambini.

E così all’esterno del locale è apparso un cartello che, tra lo scherzoso e il serio, vieta l’ingresso ai bambini maleducati.

“Avviso a tutti i genitori – si legge sul foglio affisso sulla porta – lasciate a casa i bambini maleducati, provate ad educarli, nel caso non vi fosse possibile cambiate ristorante o restatevene a casa. Ci riserviamo il diritto di prenderli in cucina a lavare i piatti con tanto di nastro adesivo sulla bocca”.

La firma è quella terrificante dell’Uomo Nero, ma il tono tutto sommato è serio. Perché, come racconta Berbenni a La Provincia di Sondrio, “spesso hanno consumato il pasto da noi genitori con bambini al limite dell’educazione che urlano, corrono da tutte le parti. Vanno su e giù dalle scale, giocano a nascondino dentro e fuori dal bagno. Se finiscono addosso ad una cameriera, che passa con pizze e bicchieri, e si fanno male, poi i problemi sono miei. Inoltre alcuni clienti storici, finita la pizza o a metà della stessa, se ne sono andati perché non ce la facevano più a causa delle urla dei bambini”.

Le reazioni del pubblico? Alcuni sostengono la mossa del pizzaiolo, altri invece pare gli abbiano dato del ‘cafone’…

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti