Real Time ricorda Don Antonio Polese con maratona del Boss delle Cerimonie

Real Time ha deciso di ricordare Don Antonio Polese, recentemente scomparso, con una maratona del programma “Il Boss delle Cerimonie”

Fonte: Facebook

Real Time rende omaggio a Don Antonio Polese con una maratona de “Il Boss delle Cerimonie”. Il canale ha deciso di celebrare così uno dei suoi personaggi più famosi, morto oggi a causa di un infarto. La maratona andrà in onda venerdì 2 dicembre, con una serie di episodi tutti dedicati a Il Boss delle Cerimonie.

Don Antonio, maratona su Real Time

“Oggi abbiamo perso un amico e un uomo di grande generosità – ha scritto Laura Carafoli, SVP Programming & Content Discovery Italia – . Grazie alla sua forza e al suo carisma, Don Antonio è riuscito a portare in Italia in modo unico e irripetibile il genere televisivo del ‘family business’. Il nostro Boss delle Cerimonie ha avuto la capacità di arrivare a tutti e di generare un’affezione immediata con il suo grande pubblico”.

Non appena i familiari hanno confermato la morte di Don Antonio Polese, Real Time ha voluto salutare a modo suo il Boss delle Cerimonie, con un messaggio sulla sua pagina ufficiale su Facebook. Nell’immagine si vede un Don Antonio felice e sorridente, seduto sul suo trono dorato all’interno dell’hotel La Sonrisa, quel castello che era divenuto negli anni il suo regno. “Ciao Don Antonio – si legge nel messaggio -. Ci hai fatto sorridere ed emozionare, piangere e cantare. Arrivederci, Boss”.

Nella maratona di Real Time il pubblico e tutti i fan affezionati, rivedranno Don Antonio Polese alle prese con l’organizzazione di matrimoni, battesimi e comunioni. Da qualche tempo il Boss delle Cerimonie soffriva di cuore e circa un mese fa era stato ricoverato in ospedale a causa di uno scompenso cardiaco. Nonostante le sue condizioni fossero critiche il Boss era riuscito a farcela ed era tornato a casa, tranquillizzando i fan e affermando che presto avrebbe registrato le nuove puntate del suo programma. Recentemente Don Antonio era tornato in clinica a causa di alcuni problemi al cuore, ma questa volta non c’è stato nulla da fare per lui.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti