Realizzato in Basilicata un murale che si fonde col paesaggio

Realizzato dall'artista Attorrep, il murale è un'opera monumentale che crea una particolare illusione ottica ed è stato creato per un motivo preciso.

20 Luglio 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Si trova a Vietri di Potenza, in provincia di Potenza in Basilicata, uno dei murales più grandi del sud Italia, inaugurato ufficialmente il 19 luglio. Realizzato da Antonino Perrotta – in arte Attorrep – la storia del murale lo rende ancora più unico e caratteristico: l’opera rientra nel festival di arte urbana OSA Around, che ha l’obiettivo di portare l’Operazione Street Art in giro per il Sud Italia. In questo caso si tratta del primo murale realizzato nel Comune e l’occasione è la ricorrenza dei 28 anni dalla strage di via d’Amelio, in cui persero la vita  il magistrato italiano Paolo Borsellino e i cinque agenti della sua scorta.

Il murale è, a dire il vero, spettacolare: è un’opera anamorfica, vale a dire che si fonde con il paesaggio circostante creando un’illusione ottica magica e unica. I passanti non riescono a comprendere, infatti, dove finisce il disegno e inizia il paesaggio che si staglia al di là del palazzo su cui è stato realizzato.

“Fortemente voluta dall’amministrazione comunale per il progetto I muri della legalità, l’opera è una riflessione del noto street artist calabrese che ritrae una bambina mentre annaffia la sua terra, simbolo del rispetto dell’ambiente, dell’appartenenza alla propria storia ed esempio di purezza e legalità. – recita infatti la nota stampa ufficiale – Un murale monumentale, per dimensioni ed estensione, che si estende su 170 mq in 17 metri di altezza, regalando una visione anamorfica della realtà. Da un determinato punto di vista, stabilito prospetticamente, illude i fruitori/passanti sulla reale superficie del palazzo, confondendosi e integrandosi con il paesaggio circostante e con lo skyline all’orizzonte”.

Il murale di Attorrep è il primo di quattro interventi urbani previsti tra luglio e maggio 2021 per il progetto I muri della legalità e verrà inaugurato il 19 luglio per la ricorrenza dei 28 anni dalla strage di via D’Amelio, nel quale persero la vita il magistrato italiano Paolo Borsellino e i cinque agenti della sua scorta. Un percorso che attraverserà date ricorrenti e importanti della storia, affrontando il tema della legalità.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti