Spotify, trucchi e consigli per usarlo al meglio

Con i suoi 390 milioni di utenti è probabilmente l'app più utilizzata per ascoltare musica in streaming: ma siete sicuri di conoscerne i segreti?

Spotify è una delle app musicali più conosciute ed utilizzate in assoluto: con una libreria digitale da 70 milioni di brani e i suoi 390 milioni di utenti, in 15 anni ha sbaragliato praticamente la concorrenza, diventando sinonimo di musica in streaming.

Ma siamo sicuri di saper usare Spotify al meglio, sfruttandone tutte le potenzialità? Sono molte le opzioni disponibili e magari poco conosciute, andiamo a vederle nel dettaglio.

Non tutti sanno che Spotify è anche un social media: dal sito della community si può accedere ai forum, dove si discute di musica e di molto altro, mentre chi ha un abbonamento Premium può partecipare anche a sessioni di ascolto musica di gruppo. Inoltre tutti gli utenti Spotify possono utilizzare l’app per seguire i propri amici, esportati da Facebook, e vedere cosa fanno e cosa ascoltano.

Passiamo all’ascolto vero e proprio: Spotify include nelle proprie opzioni un equalizzatore (disponibile su iOS e Android). Inoltre esistono dispositivi predisposti appositamente per interagire con Spotify, ad esempio alcuni auricolari e cuffie di Samsung: usandoli si può giovare della funzione Spotify Tap, che permette di gestire l’ascolto soltanto toccando gli auricolari.

Su Spotify potete visualizzare i testi della canzone che state ascoltando con un semplice tap e anche condividerli con gli amici: questa funzione si può sfruttare non solo su desktop e dispositivi mobili, ma anche sulle console e sulle smart tv.

Sapevate poi che Spotify consente di recuperare le playlist cancellate? Proprio così, se avete cancellato una playlist e ora siete pentiti, avete 90 giorni di tempo per recuperarle. Farlo è molto semplice: basta accedere alla pagina del vostro account sul sito web Spotify.it e scegliere dal menù “Ripristina playlist”.

Infine, la gestione dell’abbonamento: i titolari di abbonamento Free possono scaricare solo podcast su desktop e mobile, mentre chi possiede un abbonamento Premium può scaricare anche album e playslist oltre ai podcast. Chi ha un account Premium, inoltre, può utilizzare fino a cinque dispositivi diversi, che siano indifferentemente iOS o Android. Su ognuno di questi dispositivi gli utenti Premium possono scaricare le loro selezioni di musica e podcast, con l’unico obbligo di fare un accesso almeno ogni 30 giorni per conservarle.

 

 

 

 

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti