Le strane piante grasse a forma di coniglietti

Ecco le strane piante grasse a forma di coniglietti che stanno conquistando il web

Fonte: Twitter

Si chiama Monilaria obconica la pianta grassa a forma di coniglietto che sta facendo impazzire il Giappone. Le succulente (è questo il vero nome delle piante grasse) sono fra le piante più richieste in tutto il mondo. Non hanno bisogno di molta manutenzione, sono belle per adornare giardini e appartamenti, ma soprattutto ne esistono moltissime tipologie.

L’ultima e la più amata sui social è la Monilaria obconica. Si tratta di una pianta grassa con una forma decisamente buffa e particolare. Presenta infatti una forma tubolare che termina con una parte tonda e due antenne che sembrano delle orecchie di coniglio. La pianta è decisamente rara e poco conosciuta, ma in Giappone inizia ad essere super diffusa. Tutto è iniziato da alcune foto pubblicate sui social, in cui appariva la piantina.

La pianta grassa a forma di coniglietti è piaciuta moltissimo agli utenti sul web e in tanti hanno condiviso la foto. In questo modo in breve tempo la Monilaria obconica è diventata famosissima.

Questa non è l’unica pianta grassa con una forma strana. Una delle più famose è ad esempio la Rafflesia arnoldii, una pianta strana con il fiore più grande al mondo, in grado di raggiungere i tre metri e mezzo di larghezza, è rossa con macchie bianche ed emana un cattivo odore. Non solo: al centro presenta un foro in cui sono contenuti ben 6 o 7 litri d’acqua.

Hydnora africana invece è caratterizzata da un fiore che emana un cattivo odore, mentre la Dracunculus vulgaris presenta un fiore appuntito nero molto lungo.

Una fra le piante più strane è anche l’Amorphophallus, che significa, tradotta “informe genitale maschile” per via dell’infiorescenza a spadice che raggiunge 3 metri di altezza.

Inquietante anche la Drakaea glyptodon, orchidea originaria dell’Australia, che presenta un colore e un odore simile alla carne cruda per attirare gli insetti.

La Welwitschia mirabilis infine è una pianta originaria dell’Africa, più precisamente in Namibia, ed è così strana che Charles Darwin la chiamò “l’ornitorinco del regno vegetale”, con una radice e due foglie pelose che arrivano sino a 5 metri di lunghezza. Non solo: questa pianta vive tantissimo e la sua età può arrivare sino a 2000.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti