Cos'è "The Black Game", gioco interattivo di Netflix su Instagram

“The Black Game” è una delle ultime trovate di Netflix, dove si possono decidere le azioni di una persona nella vita reale

Se avete amato “Bandersnatch”, sicuramente siete stati tra quelli che mercoledì 16 gennaio hanno partecipato a “The Black Game”.

Questa cosa dell’interattività forse sta sfuggendo un po’ di mano. Dopo “Bandersnatch”, l’ultimo episodio di “Black Mirror” che ha fatto discutere, ha diviso, appassionato e indignato milioni di telespettatori, Netflix ha deciso di alzare l’asticella e spostarsi un po’ più in là nel campo dei giochi di ruolo. Il colosso dello streaming online ha lanciato un gioco sulle sue storie di Instagram, chiamato “The Black Game”. L’annuncio è stato dato così: “Bandersnatch è stato solo l’inizio. Stefan era solo un personaggio di finzione, con cui avete giocato. Ora è il momento di fare sul serio: con The Black Game, per un giorno, sarete voi a decidere la storia. Ma sarà qualcun altro a viverla. Non importa in quale parte d’Italia vi troviate il 16 gennaio, per partecipare vi basterà seguire Netflix su Instagram e interagire con le Storie che condivideremo nella giornata del 16. Prendete parte all’esperimento che sconvolgerà la vita di una persona: diventate Black Gamers”.

The Black Game” è stato una sorta di reality che ha visto coinvolte migliaia di persone in tutta Italia che, dalle 9 alle 19, hanno deciso le sorti di una persona. E più precisamente Pierpaolo, un giovane allenatore di una squadra di calcio che è stato costretto a mangiare peperoncini jalapeño a colazione e ad andare in giro vestito come se fosse uscito da una discoteca degli anni ’80.

Nel corso della giornata, gli utenti hanno deciso quali dovevano essere le azioni di Pierpaolo, che ha dovuto anche tirare una torta in faccia a un cliente di un negozio. In molti si stanno ovviamente chiedendo se “The Black Game” sia solo un gioco innocente per far divertire le persone, o una trovata pubblicitaria che – magari – ha lo scopo di annunciare qualcos’altro. Dopo “Bandersnatch”, infatti, sono in molti a chiedersi se Netflix abbia deciso di investire in maniera massiccia su questo format per le serie. Siamo di fronte a una nuova era dove gli show saranno nelle mani degli spettatori? C’è chi spera di sì e chi spera di no: d’altronde, chi vuole avere delle responsabilità mentre guarda una serie sul divano?

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti