104 anni, gemelle svelano il loro segreto di longevità ed è alcolico

Ecco che cosa una super anziana ha confidato in merito alle sue abitudini a tavola.

8 Febbraio 2024
Alessia Malorgio

Alessia Malorgio

Content Specialist

Ha conseguito un Master in Marketing Management e Google Digital Training su Marketing digitale. Si occupa della creazione di contenuti in ottica SEO e dello sviluppo di strategie marketing attraverso canali digitali.

Trovare la ricetta per la longevità è stato nei secoli e lo è ancora oggi, una chimera che molti scienziati o miliardari hanno inseguito,  attraverso formule quasi magiche, ricerche e valutazioni di tipo medico scientifico. Ovviamente la genetica del singolo soggetto ha un peso imprescindibile, ma anche le abitudini e lo stile di vita danno un contributo prezioso. Così, ascoltare gli anziani e super anziani per apprenderne le consuetudini può fornirci spunti utili per vivere sani a lungo.

Le gemelle di 104 anni

Elma Harris e Thelma Barratt dicono di guardarsi ogni giorno, stupite di aver raggiunto insieme l’età di 104 anni – giurano che il segreto è stato restare unite e bere giusto un po’ di alcol. Le gemelle più anziane della Gran Bretagna hanno condiviso il loro ultimo trucco anti-età ed è un messaggio piuttosto interessante.

Le sorelle Elma Harris e Thelma Barratt, nate a Stockport nell’agosto del 1919, hanno trascorso tutta la vita come migliori amiche e ora vivono insieme in una casa di cura nel Lancashire. Le gemelle avevano appena 19 anni quando scoppiò la Seconda Guerra Mondiale e hanno visto 22 diversi Primi Ministri e l’incoronazione di tre monarchi.

Vite quasi identiche

Hanno vissuto vite molto simili. All’età di 14 anni entrambe iniziarono a lavorare come imballatrici e etichettatrici per Smiths Crisps dopo aver chiesto se c’erano posti di lavoro disponibili durante il tragitto di ritorno da scuola. Lasciarono il lavoro quando si sposarono a 21 anni, a soli tre mesi di distanza l’una dall’altra. Ora, le gemelle hanno condiviso il loro segreto per una lunga vita: una goccia di brandy ogni notte. Thelma ha detto: “Ci guardiamo e diciamo, ‘Chi avrebbe mai pensato di vivere fino a questa età?’ Noi no, ma siamo ancora qui.”

Elma, che gusta un brandy e una limonata di sera, ha detto: “Se ti senti giovane, rimani giovane.” Elma sposò Bill Hewitt, un falegname, e Thelma sposò Joseph Barratt, un cappellaio, proprio quando iniziò la Seconda Guerra Mondiale. Lei fu chiamata a lavorare nella fabbrica di Fairey Aviation, producendo parti per la RAF durante la guerra.

Il marito di Thelma fu catturato in Italia e divenne prigioniero di guerra nello stesso campo del Group Captain Sir Douglas Bader, famoso per aver perso le gambe durante un’acrobazia. Nel 1959, Thelma e Joe divennero proprietari di un pub nella loro città natale di Stockport, ma lasciarono quando il loro figlio Tony aveva pochi mesi. Per entrambe le gemelle, la cosa più bella della loro vita, è stato sempre avere la compagnia della sorella. Elma, bisnonna di sei nipoti, ha detto: “Non avevamo bisogno di amici. Abbiamo sempre avuto l’una all’altra.”

Tuttavia, le gemelle hanno detto che non sempre andavano d’accordo così bene come ora e erano vicine a “strapparsi gli occhi l’una all’altra” nei loro giorni più giovani. Il primo marito di Elma, Bill, morì poco dopo la guerra, mentre il marito di Thelma, Joe, lavorava come cappellaio a Stockport. Thelma ha raccontato alla BBC: “Lavorava per il commercio dei cappelli e se veniva sorpreso senza il suo cappello, veniva multato di mezza corona. Molte volte quando stavamo corteggiando mi sono trovata trascinata giù da un vicolo perché li aveva visti in lontananza.” Le sorelle hanno detto di aver sempre apprezzato una buona serata fuori e che giravano per la città alla ricerca di nuovi vestiti da indossare.

La donna francese centenaria

E tra le donne più longeve c’è anche Suor André, francese, che grazie ai suoi 118 anni è stata nominata di recente la persona più anziana vivente. Intervistata in diverse occasioni, la religiosa non ha mancato di condividere alcune delle sue abitudini e la dieta che quotidianamente segue. Per prima cosa, Suor André tiene a sottolineare l’aspetto comunitario dei pasti, una pratica tipica delle comunità religiose che trova conferma anche nelle ricerche scientifiche.

La suora, infatti, non pasteggia mai da sola e proprio mangiare in compagnia, secondo una ricerca dell’Università di Oxford, fa sentire più felici, appagati e soddisfatti. Non solo, stando un altro studio il pasto comunitario agevolerebbe anche un regime alimentare più sano e quindi contribuirebbe al benessere generale dell’organismo. Il secondo segreto è quello di non rinunciare ai propri cibi preferiti. Cedere, ogni tanto, a del buon cioccolato e a un bicchiere di vino sarebbe, infatti, il ‘peccato di gola’ che Suor André si concederebbe.

Assaporare alimenti che ci piacciono contribuisce, del resto, a migliorare il tono dell’umore e ad alleviare lo stress, due condizioni fondamentali per la longevità. Quindi, la religiosa invita alla moderazione – soprattutto quando si parla di alcolici –, indicazione assolutamente in linea con quanto consigliato da medici ed esperti. Il consumo di alcol, infatti, può aiutare a vivere più a lungo solo se è moderato; al contrario, l’eccesso è sempre dannoso per la salute.

Da ultimo, la tavola di Suor André presenta in abbondanza antiossidanti, sostanze preziose per il benessere del cuore e del sistema cardiocircolatorio e, quindi, grandi alleati della longevità.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti