25mila persone comprano uno zoo per liberare gli animali

Ben 25mila persone hanno risposto all’appello in rete: uno zoo francese è stato comprato tramite crowdfunding per liberare gli animali.

8 Gennaio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Rewild chiama, 25mila persone rispondono. Tanto grande è stata, infatti, la partecipazione che l’appello della ONG francese ha raccolto per trasformare uno zoo in Bretagna in un rifugio per animali. Partito un anno addietro, il progetto di Rewild aveva come obiettivo quello acquistare la struttura esistente per salvare gli esemplari ospiti liberandoli dalla cattività.

Così, la coalizione fondata da Sea Shepherd France che unisce altre sei associazioni si era affidata alla rete lanciando una campagna di crowdfunding sulla nota piattaforma GoFundMe. Era il 17 dicembre 2019, quando Rewild dava inizio alla propria iniziativa, così presentata sulla pagina dedicata alla raccolta. “Cari amici, abbiamo bisogno del vostro aiuto per un progetto incredibile: acquistare lo zoo di Pont-Scorff in Bretagna (Francia) e dara una seconda possibilità a migliaia di animali selvatici.”

“Perché comprare uno zoo, vi chiederete? – continua la descrizione online – Per fare in modo che i suoi 560 animali detenuti siano liberati, rimandati nel loro habitat naturale o almeno in santuari.” Un progetto, certo, ambizioso che la stessa Rewild definisce “una sfida enorme”. Forte, quindi, della sua storia, la ONG ha chiamato a raccolta i cittadini perché aderissero all’operazione che chiedeva di raccogliere 600mila euro per l’acquisto.

Lo zoo, infatti, era stato ceduto dal proprietario a Rewild a patto di saldare il contratto in cinque mesi, pena la restituzione. “Se ce la faremo sarà la prima volta al mondo e l’inizio di una nuova era”, così si concludeva l’appello.

A poco più di un anno, il crowdfunding ha fruttato oltre 735mila euro superando ampiamente il goal iniziale. La ONG è ora impegnata nella realizzazione del progetto con la liberazione di tutti gli animali e si sta confrontando con i tanti cavilli burocratici che rischiano di rallentare le operazioni.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti