0, 1, 0, 1, 3, 1, 0 trend

Aglio, il rimedio semplicissimo contro l'alito cattivo

L’aglio fa bene al nostro organismo per diverse ragioni, ma come combattere l’alito cattivo causato da questo bulbo: ecco alcuni trucchi

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Le proprietà dell’aglio sono davvero numerose e piuttosto efficaci per combattere i malanni di stagione e non solo: questo bulbo, usatissimo in cucina per insaporire il sugo, la carne e le verdure, svolge un ruolo di primaria importanza anche per la nostra salute poiché è considerato un antibatterico naturale (l’aglio germogliato fa male? Da oggi non lo butterai più via).

L’aglio, infatti, è usato sin da tempi antichissimi contro il mal di gola e il raffreddore (dormi in questa posizione se non respiri bene col naso chiuso), inoltre aiuta a fluidificare il sangue e contrasta l’aumento del colesterolo cattivo e la pressione, dunque soprattutto quello crudo può essere un valido aiuto del tutto green per chi soffre di ipertensione.

Ma quando parliamo di aglio, il nostro pensiero va un problema piuttosto fastidioso che spesso ci scoraggia nel consumarlo liberamente: l’alito cattivo e pesante che produce potrebbe in effetti minare i nostri rapporti sociali.

Come evitare questo infausto scenario e salvaguardare contemporaneamente la nostra salute, le amicizie e la nostra reputazione?

I rimedi per smorzare il fortissimo olezzo derivante dall’aglio (qui altri metodi) sono diversi e ciò – ne siamo sicuri – vi consola parecchio: il trucco sta nell’assumere anche alimenti ricchi di polifenoli che combattono l’alitosi da aglio.

Oltre agli spinaci, il prezzemolo, la menta, il tè verde o il limone, è possibile mangiare uno spicchio di mela dopo aver ingerito l’aglio oppure tritarne uno spicchio e consumarlo insieme ad un cucchiaino di dolcificante naturale come miele, sciroppo d’agave o di acero.

E ancora è raccomandato anche l’olio extravergine da cospargere su una fetta di pane insieme all’aglio, fatto però riposare per circa 15 minuti: il tempo necessario per attivare gli enzimi.

Ora che conoscete questi trucchetti, non avete più scuse: l’aglio fa bene, ma ricordatevi di alleggerirlo per non andare incontro a spiacevolissime conseguenze.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti