Allarme cinghiali radioattivi: ecco come si sono contaminati

Gli animali selvatici si nutrono di un fungo contaminato da sostanze radioattivi sprigionate a seguito dell'esplosione della centrale di Chernobyl

Fonte: Getty Images

La prelibata carne di cinghiale potrebbe rivelarsi assai più dannosa di quanto si crede, stando alle informazioni raccolte e pubblicate dal Mirror in merito a quanto sta accadendo nella Repubblica Ceca. Un inverno molto rigido e nevoso sta costringendo i cinghiali a nutrirsi di falsi tartufi, in particolare di un fungo molto comune nella zona compresa tra Repubblica Ceca, appunto, Austria e Germania.

Questi funghi, di cui si alimentano gli animali selvatici, possono assorbire elevati livelli di cesio radioattivo 137. E tre decenni fa la catastrofe nucleare di Chernobyl ha rilasciato una quantità proprio di questo elemento.

Secondo quanto riferisce Jiri Drapal alla Reuters: “Il problema è legato alla stagione”, spiega. “Possiamo aspettarci di trvare cibo contaminato per un numero elevato di anni a partire da adesso”. Questa situazione potrebbe causare alcuni problemi con la fornitura di carne al cinghiale, estremamente diffuso nella cucina locale e base di numerosi piatti tipici come il gulash, un denso stufato di carne. La cattiva notizia è che 614 animali sono stati ispezionati nel biennio 2014-2016, e il 47% erano al di sopra del limite ovvero quasi la metà.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti