Allarme per un nuovo virus molto pericoloso: i sintomi allarmanti

Scopri i dettagli dell'epidemia del virus Marburg, un agente patogeno letale simile all'Ebola

27 Luglio 2023
Alessia Malorgio

Alessia Malorgio

Content Specialist

Ha conseguito un Master in Marketing Management e Google Digital Training su Marketing digitale. Si occupa della creazione di contenuti in ottica SEO e dello sviluppo di strategie marketing attraverso canali digitali.

Negli ultimi mesi, il mondo è stato scosso da un focolaio di un virus altamente pericoloso, il cosiddetto “virus Marburg“, che ha colpito alcune regioni della Nuova Guinea Equatoriale e della Repubblica Unita di Tanzania. Questo nuovo agente patogeno, facente parte della stessa famiglia di quello responsabile dell’Ebola, ha dimostrato di essere particolarmente insidioso e mortale.

Finora, il numero di vittime attribuite al virus Marburg è allarmante: ben 12 persone hanno perso la vita nella Nuova Guinea Equatoriale, mentre altre quattro sono state colpite a morte in Tanzania. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rivelato che il contagio avviene solitamente attraverso l’esposizione prolungata a grotte e miniere, il che rende il virus particolarmente pericoloso per chi lavora in tali ambienti.

I sintomi del nuovo virus pericoloso

I sintomi iniziali del virus Marburg sono spesso scambiati con altre malattie comuni, rendendo la diagnosi tempestiva una vera sfida. Uno dei primi segnali di infezione è la trasformazione dell’aspetto dell’individuo colpito in quello di un “fantasma”, caratterizzato da gengive sanguinanti e pallore estremo.

Altri sintomi includono:

  • diarrea,
  • nausea e vomito,
  • febbre alta,
  • forti mal di testa
  • e malessere grave.

Dopo circa una settimana dall’infezione, molti pazienti manifestano episodi di emorragia e sviluppano un’eruzione cutanea non pruriginosa. Le emorragie possono verificarsi frequentemente dalle gengive, e la morte spesso sopraggiunge tra l’ottavo e il nono giorno dall’infezione.

Come trattare il virus?

Ciò che rende questo virus ancora più terrificante è la mancanza di una cura o di un trattamento specifico. I malati si trovano ad affrontare dolori addominali, crampi e dolori muscolari insopportabili, rendendo la loro sofferenza insostenibile.

Nonostante il quadro allarmante, gli esperti stanno lavorando instancabilmente per trovare possibili trattamenti efficaci. Tra le opzioni considerate vi sono emoderivati, terapie immunitarie e farmacologiche, oltre alla fondamentale reidratazione attraverso fluidi somministrati per via orale o endovenosa.

Un ulteriore problema nella lotta contro il virus Marburg è la difficoltà nel distinguere questa malattia da altre infezioni simili, come la malaria o la febbre tifoide. La somiglianza dei sintomi può creare confusione nelle prime fasi dell’infezione e ritardare una diagnosi corretta e tempestiva.

Un elemento distintivo di questa terribile malattia è il progressivo peggioramento delle condizioni dei pazienti fino alla morte. Coloro che sono colpiti dai sintomi più gravi del virus si trovano in uno stato di shock poco prima di perdere la vita. Le autorità sanitarie dei paesi colpiti stanno lavorando a stretto contatto con l’OMS e altre organizzazioni internazionali per sviluppare strategie di contenimento e per cercare di fermare questa epidemia prima che si diffonda ulteriormente.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti