Un virus spaventa il mondo: cosa sappiamo della malattia 'più mortale al mondo'

Un virus con alta mortalità, torna sotto i riflettori dopo un nuovo caso negli Emirati Arabi Uniti

31 Luglio 2023
Alessia Malorgio

Alessia Malorgio

Content Specialist

Ha conseguito un Master in Marketing Management e Google Digital Training su Marketing digitale. Si occupa della creazione di contenuti in ottica SEO e dello sviluppo di strategie marketing attraverso canali digitali.

Fonte: 123rf

Nel panorama delle minacce sanitarie mondiali, uno dei timori più grandi è sempre stato quello delle epidemie. Sia che si tratti di nuovi patogeni emergenti o di ceppi virali già noti ma capaci di mutare e presentarsi sotto nuove forme, la paura di fronte a una potenziale pandemia è sempre alta. Tra le malattie che destano particolare apprensione vi è la MERS, acronimo di Sindrome Respiratoria del Medio Oriente, una malattia causata da un coronavirus strettamente correlato al Covid-19.

Perché la MERS fa paura

Una recente notizia ha riacceso i riflettori su questa terribile malattia. Un giovane uomo di 28 anni, residente nella città di Al Ain, negli Emirati Arabi Uniti, è stato colpito da MERS ed è stato ricoverato in ospedale in gravissime condizioni. Il virus ha colpito il paziente con grande aggressività, lasciando temere la possibilità di un nuovo focolaio. La MERS, infatti, ha un tasso di mortalità molto alto e rappresenta una minaccia seria per la salute pubblica.

Si crede che il virus abbia avuto origine da una fonte animale e che la trasmissione all’uomo avvenga principalmente attraverso il contatto con i cammelli. Sebbene sia meno trasmissibile del Covid-19, la malattia è estremamente pericolosa per coloro che ne vengono colpiti.

I sintomi della MERS

I sintomi della MERS sono simili a quelli dell’influenza e includono febbre, tosse, respiro corto, brividi, dolori muscolari, mal di gola, mal di testa, diarrea, nausea/vomito e naso che cola. È fondamentale essere vigili e monitorare attentamente eventuali sintomi sospetti per garantire una diagnosi precoce e interventi tempestivi.

La situazione preoccupante riguardante il giovane paziente negli Emirati Arabi Uniti ha portato all’identificazione e al monitoraggio di ben 108 contatti per 14 giorni dall’ultima esposizione al virus. Fortunatamente, al momento non sono state riportate infezioni secondarie, ma l’attenzione delle autorità sanitarie è massima per evitare la diffusione del patogeno.

L’OMS monitora da vicino la MERS

La MERS è una minaccia che va presa sul serio, e l’Organizzazione Mondiale della Sanità continua a monitorare la situazione nella regione. Sebbene esista un certo livello di preoccupazione riguardo a nuovi focolai di questa malattia, è fondamentale rimanere calmi ed evitare il panico. La ricerca scientifica e le azioni preventive delle istituzioni possono contribuire a contenere la diffusione di questa e altre malattie infettive.

È importante sottolineare che la MERS è una malattia rara, ma il suo impatto può essere devastante. La salute pubblica deve rimanere al centro delle priorità, e una migliore comprensione delle malattie infettive e dei meccanismi di trasmissione può contribuire a prevenirne la diffusione.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti