Ecco perché "L'amica Geniale" andrebbe letto da tutti

“L’Amica Geniale” è uno dei libri più letti di sempre: ma perché non può mancare nella nostra libreria?

Al mondo esistono libri che mettono d’accordo tutti: uno di questi è sicuramente “L’Amica Geniale”, della scrittrice Elena Ferrante.

Non importa chi sia in realtà Elena Ferrante: ciò che davvero conta è che ha scritto uno dei libri più belli di sempre. Stiamo parlando de “L’Amica Geniale”, una quadrilogia da leggere tutta d’un fiato che ci porta nella Napoli della seconda metà del ‘900. Ma come mai questo libro ha appassionato non solo l’Italia intera, ma tutto il mondo? Tradotto in diversi paesi e in numerose lingue – tra cui il cinese e l’arabo – ha venduto milioni di copie, diventando uno dei romanzi più celebri di sempre.

“L’Amica Geniale” (diventata una serie televisiva prodotta da HBO, RAI Cinema e Fandango) ha tutto. È una quadrilogia che parla di amicizia, di amore, di crescita, di ribellione, di riscatto sociale e rottura dei canoni imposti dalla società e dall’ambiente di provenienza. Elena Ferrante ripercorre cinquant’anni di storia italiana tramite gli occhi e l’amicizia tra Lila e Lenù, due bambine – poi diventate adulte – che crescono nello stesso rione ma, sin da subito, prendono strade separate che le porteranno a condurre due esistenze completamente diverse. Tramite gli occhi di Lila conosciamo la vita più dura: quella di una donna intelligente, scaltra e bella ma che – proprio per le sue qualità fuori dal comune – è tenuta in gabbia prima dalla sua famiglia, poi da suo marito.

Lenù invece è più mansueta, è l’amica che pende dalle labbra di Lila ma che riuscirà ad allontanarsi dal rione e a costruirsi una nuova vita. Attraverso lei viviamo le battaglie che negli anni ’70 hanno infiammato le facoltà universitarie, il movimento femminista e le lotte interne di una donna che non vuole essere solo moglie e madre, ma anche molto di più.

Le due amiche si lasciano e si riprendono, si confidano e poi smettono di parlarsi per poi incontrarsi ancora. Elena Ferrante racconta la storia dell’Italia e delle sue trasformazioni sociali a partire dalla vita di Lila e Lenù, intrecciando i cambiamenti storici e culturali con la loro amicizia. Un rapporto che non è mai lineare, come il lettore potrebbe aspettarsi in un primo momento. Così come non è lineare la vita, la politica, l’amore. “L’Amica Geniale” è un libro che va letto non solo perché racconta la storia emozionante di due amiche. Ma soprattutto perché ci consegna uno spaccato importante di quella che è stata l’Italia del secolo scorso, in un periodo storico che ha segnato il punto di non ritorno per tante persone. Simboleggiate da Lila e Lenù.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti