Avvistato uno raro stambecco bianco in Val di Susa

Un raro esemplare di stambecco bianco è stato avvistato sul monte Palon: si tratta di un esemplare affetto da leucismo.

23 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: ANSA

Avete mai visto uno stambecco completamente bianco? Probabilmente no, perché gli esemplari di questo colore sono estremamente rari. Anzi, rarissimi. Come dimostra la storia dell’ultima giraffa bianca rimasta sul nostro pianeta, a cui è stato impiantato un GPS per controllarne i movimenti e assicurarsi che stia bene. Proprio come la giraffa, anche lo stambecco ‘bianco’ è in realtà affetto da leucismo. Ovviamente scorgerlo è un evento irripetibile, come dimostrano le immagini che in questi giorni stanno facendo il giro del web. Alcune persone si sono infatti imbattute nell’animale sul monte Palon, in Val di Susa. È successo a 3000 metri d’altitudine e il chiacchiericcio nato sul presunto avvistamento ha spinto gli agenti faunistico-ambientali della Funzione specializzata tutela fauna e flora di Torino a mobilitarsi in prima persona.

Accompagnati da Luca Rossi (della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Torino), gli agenti hanno quindi ben pensato di recarsi personalmente sul monte Palon per capire meglio di cosa si trattasse. Il dottor Rossi ha confermato che si tratta proprio di uno stambecco affetto da leucismo, un’anomalia genetica.

“In questo periodo gli spostamenti in montagna sono fortemente limitati e il nostro personale si muove solo per esigenze di servizio. – ha dichiarato la Consigliera metropolitana delegata alla tutela della fauna e della flora, Barbara Azzarà (come scrive La Stampa) – Per il futuro, quando il Piemonte sarà uscito dalla zona rossa e saranno possibili spostamenti al di fuori dei confini comunali, raccomandiamo comunque ad eventuali escursionisti che si recassero sul posto di utilizzare tutte le tecniche conosciute per non creare disturbo, non solo agli stambecchi, ma a tutta la fauna e la flora di alta quota, comportandosi come educati e graditi ospiti”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti