Cani-genio: lo studio che dimostra che i cani capiscono gli umani

Un'ulteriore prova dell'intelligenza dei nostri amici a 4 zampe

7 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

Il tuo cane potrebbe seguire comandi come “seduto” o diventare incontrollabilmente eccitato alla menzione della parola “walkies”, ma quando si tratta di ricordare i nomi di giocattoli e altri oggetti di uso quotidiano, la maggior parte sembra piuttosto distratta. Ora uno studio su sei “cani geniali” ha fatto avanzare la nostra comprensione dei ricordi dei cani, suggerendo che alcuni di loro possiedono una notevole padronanza del linguaggio umano.

I ricercatori ungheresi, come riporta Theguardian, hanno trascorso più di due anni a perlustrare il mondo alla ricerca di cani in grado di riconoscere i nomi dei loro vari giocattoli. Sebbene la maggior parte possa imparare i comandi in una certa misura, imparare i nomi degli oggetti sembra essere un compito molto diverso, con la maggior parte dei cani incapaci di padroneggiare questa abilità.

Max (Ungheria), Gaia (Brasile), Nalani (Paesi Bassi), Squall (USA), Whisky (Norvegia) e Rico (Spagna) ce l’hanno fatta dopo aver dimostrato di conoscere i nomi di più di 28 giocattoli, con alcuni che ne sapevano più di 100. Sono stati quindi arruolati per prendere parte a una serie di esperimenti in streaming noti come Genius Dog Challenge.

“Questi cani dotati possono imparare nuovi nomi di giocattoli a una velocità notevole”, ha affermato la dott.ssa Claudia Fugazza dell’Università Eötvös Loránd di Budapest, che ha guidato il team di ricerca. “Nel nostro studio precedente abbiamo scoperto che potevano imparare un nuovo nome di giocattolo dopo averlo sentito solo quattro volte. Ma, con un’esposizione così breve, non ne hanno formato un ricordo a lungo termine”.

Per spingere ulteriormente i limiti dei cani, i loro proprietari hanno avuto il compito di insegnare loro i nomi di sei e poi 12 nuovi giocattoli in una sola settimana. “Si è scoperto che, per questi cani di talento, questa non era una grande sfida. Hanno imparato facilmente da 11 a 12 giocattoli”, ha affermato il dottor Shany Dror della stessa università. Questo tasso di apprendimento è paragonabile a quello dei bambini umani all’inizio del loro vocabolario, quando improvvisamente iniziano a mettere insieme le parole a circa 18 mesi.

“I cani sono buoni modelli per studiare il comportamento umano mentre si evolvono e si sviluppano nell’ambiente umano”, ha affermato uno dei coautori dello studio, il professor Ádám Miklósi della Eötvös Loránd University. “Con questi cani di talento abbiamo un’opportunità unica di studiare come un’altra specie comprende il linguaggio umano e come l’apprendimento delle parole influenza il modo in cui pensiamo al mondo“.

Sebbene la sfida sia terminata, il team di Fugazza è desideroso di reclutare cagnolini eccezionali per ulteriori esperimenti. I proprietari che credono che i loro cani conoscano più nomi di giocattoli possono registrarli tramite il sito web della sfida.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti