Cos'è il Mercoledì delle Ceneri

Oggi è Mercoledì delle Ceneri, ma da cosa deriva questo nome? Scopriamo tutti i dettagli

Fonte: Wikimedia

Carnevale si conclude con il Martedì Grasso. Questi è infatti, per i credenti, l’ultimo giorno in cui si può mangiare in abbondanza. Da ciò deriva il nome. Nel giorno  successivo, a questa ricorrenza, si rispetta il digiuno, si consumano pasti frugali o più semplicemente si evita la carne. In questo giorno il cristiano ricorda le parole proferite da Dio ad Adamo, a seguito del peccato originale.  Il Signore, infatti, dice al primo uomo di essere solo cenere, nel senso che su questa terra lui, come tutti quanti noi, è solo di passaggio. Per questa ragione il cristianesimo celebra il Giorno delle ceneri.

Nel corso della liturgia del Mercoledì delle Ceneri, il prete sparge la cenere benedetta sul capo dei fedeli. Questa polvere si ottiene bruciando le palme della Domenica dell’anno precedente. Nel mondo cattolico ciò diventa non solo simbolo di transitorietà, ma anche di penitenza. Il mercoledì delle ceneri, inoltre, apre il periodo di Quaresima.

Quaresima

La Quaresima è un periodo di penitenza. Per questa ragione viene inaugurato dal simbolo delle ceneri. Si tratta dei 40 giorni che separano dall’avvento della Pasqua. Tuttavia, se si segue il periodo ambrosiano le cose vanno diversamente. Si inizia la domenica della settimana del mercoledì delle ceneri e si conclude con la veglia. Secondo la tradizione, infatti, il vescovo di Milano, Sant’Ambrogio per l’appunto, rientrò da un pellegrinaggio in ritardo rispetto ai festeggiamenti tradizionali.

Per quanto riguarda la Quaresima in sé, il periodo in realtà è di 48 giorni. Tuttavia, nel conteggio non rientrano le domeniche. Nel giorno del Signore,infatti, la penitenza viene sospesa per essere poi ripresa di lunedì. Il numero 40 corrisponde ai giorni che Gesù trascorse nel deserto, tentato dal demonio. Il numero è estremamente simbolico e rientra a più riprese nella Bibbia. Il diluvio universale durò 40 giorni e tanto tempo passò Mosè sul Sinai.

La religione oggi

C’è da sottolineare che in alcune località il Mercoledì delle Ceneri è considerato ultimo giorno di carnevale. Per tale ragion non si rispetta alcun digiuno. Il periodo di penitenza, dunque, inizia il giorno successivo. Tuttavia, il mercoledì viene considerato comunque primo giorno di Quaresima.

La religione ha lasciato lungo il suo cammino una serie di festività celebrate anche da chi non è cattolico. Per chi crede, tuttavia, è giusto approfondire le tematiche che hanno portato alla nascita di questi periodi, affinché possano essere celebrati con la giusta consapevolezza.

 

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti