David Gilmour, all'asta le sue chitarre per salvare il clima

Il chitarrista dei Pink Floyd ha donato le sue chitarre per la causa ambientalista, in un'asta record da Christie's

David Gilmour, storico chitarrista dei Pink Floyd, mette all’asta le sue chitarre: tra queste anche la mitica Black Fender Stratocaster, protagonista di registrazioni entrate nella storia della musica come “The Wall”, “Wish you were here”, “The dark side of the moon”

La decisione è stata presa in nome di un ideale, quello ambientalista: i proventi dell’asta andranno infatti a ClientEarth, studio legale che porta nei tribunali cause legate all’ambiente. Solo la “Black strat” ha fruttato quasi 4 milioni di dollari ed in tutto il tesoretto di Gilmour ne ha portati a casa 21.5, battendo così il record che fino ad ora apparteneva ad Eric Clapton.

Gilmour ha dichiarato di sostenere Greta Thunberg e a quanto pare le sue non solo solo parole: ha dichiarato di lottare per “un mondo civilizzato in cui i figli dei nostri figli e la loro discendenza possano continuare a suonare queste chitarre e a cantare canzoni” ed ha immolato alla causa il suo bene più prezioso.

La Black Strat è stata aggiudicata da Jay Irsay, il proprietario della squadra dei Colts di Indianapolis, insieme ad un’altro strumento leggendario, la Martin Nazareth 1969 D-35 usata in “Shine on You Crazy Diamond”.

Questa asta, che si è svolta da Christie’s a New York, batte tutti i record precedenti: Eric Clapton aveva venduto le sue chitarre per un totale di 12 milioni di dollari circa, mentre la chitarra più costosa del mondo era ancora quella acquistata dai Rolling Stones durante una vendita di beneficenza per le vittime dello tsunami in Asia e pagata 2.7 milioni di dollari.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti