0, 0, 1, 0, 2, 0, 0 trend

Un tizio ha ritrovato il suo Ciao rubato 31 anni prima

Storia incredibile per un 48enne, a cui era stato rubato il motorino nel 1987: lo ritrova 31 anni dopo

Ci sono storie a lieto fine che per la loro assurdità potrebbero sembrare impossibili o poco veritiere. È quello che è successo al proprietario di un motorino, che ha ritrovato il mezzo di trasporto dopo 31 anni dal furto. Il giovane adolescente, con il passare del tempo, aveva probabilmente rimosso quel furto, ma non aveva dimenticato il suo primo motorino, quel Ciao della Piaggio che ha fatto la storia. Il suo modello azzurro era stato parcheggiato il 25 settembre del 1987 a Pavia, ma non era più stato ritrovato al ritorno in zona. La denuncia non aveva inizialmente prodotto risultati e probabilmente nessuno dei protagonisti pensava a tanti anni di distanza di chiudere il caso con il ritrovamento. È quello che è accaduto al proprietario, un 48enne di Parma, che ha ricevuto l’inaspettata chiamata dei carabinieri.

Il Piaggio Ciao azzurro era stato rinvenuto durante una perquisizione che le Forze dell’Ordine hanno eseguito a Tizzano Val Parma. Il nuovo proprietario era un pregiudicato 37enne, poi denunciato per ricettazione che però senza dubbio non poteva aver rubato il motorino 31 anni orsono all’età di sei anni. Quando le speranze erano ormai state annullate dal passare degli anni e dal cambio di città, il legittimo proprietario del motorino ha risposto con incredulità e ha confermato di aver posseduto un motorino Ciao azzurro, annunciando di essere intenzionato a ritirare il mezzo nel più breve tempo possibile.

Il Ciao della Piaggio è stato un icona degli anni ’60 e dei decenni successivi con il suo stile che fondeva la semplicità della bicicletta alle caratteristiche tipiche di un motoveicolo. Il successo è stato confermato dal grande numero di modelli acquistati dagli adolescenti, che nel Ciao hanno intravisto un simbolo di indipendenza e di funzionalità, non solo una moda passeggera assimilabile a quella dell’I-phone e degli altri smartphone moderni.

Lo stesso pensiero potrebbe aver persuaso quell’adolescente di Pavia ad acquistare quel Ciao azzurro, parcheggiato e mai più ritrovato per 31 lunghi anni. Quello che sembra in realtà un caso, è in realtà motivo di elogio anche per i carabinieri, che durante la perquisizione hanno rinvenuto diversi oggetti, tra cui lo stesso motorino, cercando di risalire al legittimo proprietario. A breve quel giovane adolescente, ormai diventato adulto, potrà ritrovare il suo Piaggio Ciao per una storia a lieto fine dai contorni paradossali.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti