I gusti musicali di Thimotèe Chalamet: la playlist di Supereva

Oltre a essere candidato al premio Oscar, Thimotèe è anche un grande appassionato di musica. Ecco la playlist con i brani che più ama, soprattutto rap

In “Chiamami col tuo nome” la musica riveste un ruolo fondamentale accompagnando – e raccontando in un modo parallelo e differente – la storia d’amore fra Oliver ed Elio. D’altronde non poteva essere altrimenti, considerando la grande sensibilità musicale di Luca Guadagnino, ma anche quella di Thimotèe Chalamet.

Il protagonista della pellicola, candidato agli Oscar, ha una vera passione per la musica. Si definisce un “nostalgico”, ma è anche un amante del rap e della musica hip hop.

“Il libro è ambientato nel ’88 e lui l’ha retrodatato nel ’83 – ha spiegato a VMAN parlando di Luca Guadagnino e del film tratto dal romanzo di André Aciman – perché ha detto che quello fu l’anno in cui cominciò ad ascoltare musica. Nel film, ci sono i Talking Heads, i Psychedelic Furs, ma anche Bach e Beethoven – tutte canzoni della giovinezza di Luca, che trascorse in Italia negli anni Ottanta”.

Ma cosa ascolta Thimotèe Chalamet nel tempo libero, quando è con gli amici o la famiglia? Dalle sue Storie su Instagram si deduce che ha una vera e propria passione per il rap. Sui social troviamo “Butterfly Effect” di Travis Scott, ma anche “Spar” di Dreezy feat Kodak Black, 6LACK e “The Way Life Goes” di Lil Uzi Vert .

La musica è un elemento importante nella vita di Thimotèe Chalamet, così anche quando rilascia delle interviste il giovane attore americano finisce sempre per parlare di canzoni e per…cantarle. L’ultima volta è accaduto nel corso di “Popcorn”, programma condotto da Peter Travers in cui ha intonato “Sister Golden Hair” di America .

Poco prima Timotèe si era trovato a rappare sul tappeto rosso sulle note di “Bartier Cardi” di Cardi B feat. 21 Savage. Nel corso dei Gotham Awards, il 21enne era salito sul palco per ritirare il premio e nel suo discorso aveva omaggiato due artiste: Mary J Blige, definita “un grande talento” e “una fonte di ispirazione”, e Cardi B.

“Dato che sono un ragazzo di New York. Ho pensato di prendermi un momento per ringraziare alcuni artisti di New York che mi hanno ispirato a perseguire la mia carriera nelle arti” aveva detto. La lista comprendeva la già citata Mry J. Blige, la regista Greta Gerwi, Al Pacino, John Leguizamo e la regina dell’hip hop Cardi B. Niente male per un ragazzo poco più che ventenne!

pianoforte timothee

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti